Ricerca e sviluppo

Centro di ricerca di Brindisi

La Ricerca di Enel in Italia si avvale di quasi 150 ricercatori ad alto livello di specializzazione e dispone di laboratori ed aree sperimentali su tutto il territorio nazionale.

Attraverso queste risorse e queste strutture, sviluppa le iniziative assegnate nell'ambito del Piano per l'Innovazione tecnologica, affrontando l'analisi e l'evoluzione delle tecnologie con l'obiettivo di produrre e distribuire energia pulita a basso costo, di promuoverne un utilizzo razionale, e di offrire i migliori prodotti e servizi al cliente.

La metodologia di lavoro ha un carattere prettamente sperimentale che copre ogni fase della catena della ricerca ed innovazione, dallo studio approfondito delle tecnologie, dei processi e dei sistemi all'interno dei laboratori, alla realizzazione di progetti pilota ed impianti dimostrativi, fino all'applicazione industriale. Nel 2013 Enel ha realizzato 234 progetti con un investimento pari a circa 76 milioni di euro in attività di ricerca e innovazione. L'impegno in ricerca e sviluppo è stato rivolto all'innovazione nel campo dell'efficienza degli impianti di generazione termoelettrica, produzione degli inquinanti, allo sviluppo delle fonti rinnovabili (con focus su solare fotovoltaico e termodinamico, geotermia, eolico e biomasse, idroelettrico, energia dal mare, ibridizzazione, accumulo energetico), e ai programmi di efficienza energetica negli usi finali e allo sviluppo delle Smart Grid, della generazione distribuita e della mobilità elettrica

Centri di Ricerca e Aree sperimentali
La struttura della Ricerca Enel è costituita da una rete di Centri, aree sperimentali e laboratori che svolgono un ruolo importante nello sviluppo tecnologico nazionale. Vanta un'esperienza storica nel settore elettrico e oltre trent'anni di attività:

  • Il laboratorio chimico e il laboratorio di domotica di Pisa
  • Il laboratorio chimico di Brindisi
  • Il laboratorio solare fotovoltaico di Catania
  • Livorno - Enel ha realizzato a Livorno un apposito laboratorio per sperimentare le tecnologie più promettenti di accumulo dell'elettricità
  • Fusina

La rete di centri di eccellenza di Enel include inoltre CESI e CIRCE, di cui Enel detiene quote di partecipazione:

  • CESI, specializzata nelle attività di certificazione e collaudo, di consulenza tecnica e di ricerca sperimentale
  • CIRCE, centro di ricerca presso l'università di Saragozza, attivo ad esempio nel campo dell'efficienza energetica, della mobilità elettrica e delle smart grid

Grazie ad un approccio sempre più "open" all'innovazione, Enel combina l'applicazione del know-how posseduto internamente a quello di un'estesa  rete internazionale di centri di ricerca, università, associazioni, e partner tecnologici.

Nel sito industriale di Navicelli, vicino a Pisa, sono poi in corso due progetti di Enel Ricerca: una batteria di accumulatori destinata a un impianto fotovoltaico e una centrale virtuale basata sulle fonti rinnovabili e la cogenerazione di elettricità e calore.

CO2 Neutral