Enel avvia la produzione di gas in Siberia

Pubblicata il: 2012-04-26

SeverEnergia il giacimento artico di Samburg. Prima volta dell'Italia nell'upstream russo. Esordio di Enel come produttore diretto di gas. E il Gruppo si conferma primo operatore straniero verticalmente integrato in Russia

Enel avvia la produzione di gas in Siberia

Il gelo e la neve della Siberia occidentale hanno fatto da scenario a un evento storico per Enel, l'Italia e la Russia. Il 20 aprile a oltre 3.000 km da Mosca, ha preso il via la produzione di gas del giacimento artico di Samburg, nel distretto autonomo dello Yamal-Nenets, ad opera di SeverEnergia, consorzio che vede insieme Enel ed Eni e le russe Novatek e Gazproneft.

Il 20 aprile segna la prima volta di Enel come produttrice diretta di gas. Ma le celebrazioni, avvolte da un vento carico di neve che spazzava la Siberia artica, hanno segnato anche la prima volta dell'ingresso dell'Italia nell'upstream russo.

Un esordio carico di promesse se si considera il fatto che il giacimento artico di Samburg si trova nella regione dove si produce il 90% del metano russo, che il distretto ospita la più grande area di produzione di gas al mondo e che secondo la US Geological Surevy l'area potrebbe conservare un quinto delle riserve globali di idrocarburi ancora da scoprire.

Alla cerimonia che ha salutato l'estrazione della prima molecola di gas era presente  da Marco Arcelli (http://www.enel.com/it-IT/group/board/business_lines/upstream_gas/), direttore della divisione upstream gas di Enel, insieme all'ad di Eni, Paolo Scaroni e  al presidente del cane a sei zampe, Giuseppe Recchi.

Folta anche la rappresentanza russa con il direttore generale di SeverEnergia Vladimir Svaykin, il direttore generale di Arctikgas, proprietaria del giacimento, Andrey Burbasov, l'ad di Novatek Leonid Mikhelson, il vice direttore generale di Gazprom Neft, Vadim Yakovlev, il governatore della Regione dello Yamal-Nenets, Dmitry Kobylkin e numerosi rappresentanti delle autorità federali e locali.

La prima produzione di gas e liquidi sarà di 43 mila barili di olio equivalenti al giorno (boepd) e il giacimento raggiungerà la capacità massima di 145.000 boepd nel 2015. Come spiega Arcelli, "questo gas ci dà l'opzione di raggiungere l'integrazione verticale nel Paese e far diventare Enel il primo operatore straniero verticalmente integrato in Russia".  Enel infatti utilizzerà la sua quota di gas per alimentare tre delle quattro centrali elettriche della società russa Ogk-5 che fa parte del Gruppo, coprendo a regime oltre il 50% del loro fabbisogno.

Seguici su

  • Facebook
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
  • Alerting

Seleziona gli argomenti su cui desideri ricevere comunicazioni via e-mail nel caso di aggiornamenti.
Il dato sarà trattato nel rispetto del D.Lgs 196/03

Comunicati Stampa

Inserisci il numero di telefono del tuo cellulare e riceverai un SMS di notifica appena verrà pubblicato sul nostro sito un nuovo comunicato stampa.
Il dato sarà trattato nel rispetto del D.Lgs 196/03

Comunicati Stampa SMS

 
CO2 Neutral