Le tecnologie per un’economia pulita

Pubblicata il: 2012-02-27

Per realizzare in Europa uno sviluppo economico e sociale rispettoso dell’ambiente, le maggiori speranze sono riposte nello sviluppo tecnologico, che prospetta numerose soluzioni diverse e complementari

Le tecnologie per un’economia pulita

La transizione verso un’economia a basse emissioni di CO2 e a ridotto impatto ambientale deve necessariamente basarsi sui progressi della tecnologia. Ma non ci sono soluzioni miracolistiche, né poche alternative tra cui scegliere. È invece disponibile una rosa di molte soluzioni.
Per esempio un recente rapporto del Joint Research Centre (JRC, il Centro comune di ricerca della Commissione europea) ne ha individuate venti, confermando la necessità  già evidenziata dalle utility energetiche più attente all’ambiente, come Enel, di puntare sulla diversificazione delle fonti e delle tecnologie.

Innanzi tutto ci sono le fonti rinnovabili. Il rapporto del JRC (2011 Technology Map of the European Strategic Energy Technology Plan) elenca l’eolico, le diverse tecnologie solari (soprattutto termodinamico e fotovoltaico), le fonti “storiche” (idroelettrico e geotermico) e alcune tecnologie ancora in una fase iniziale di sviluppo, come l’energia delle onde e delle maree. Il settore delle biomasse è diviso di due filoni: i biocarburanti per i trasporti e i biocombustibili per la produzione di calore ed elettricità.

Ma anche i combustibili fossili possono partecipare a un mix energetico pulito, grazie agli impianti a carbone ad alta efficienza e alle tecniche di cattura e sequestro della CO2(CCS, dall’inglese Carbon Capture and Storage).

L’energia nucleare, nei Paesi che decidono di farne uso, permette di produrre elettricità in grandi quantità e a bassissime emissioni. La ricerca, molto promettente, è indirizzata anche verso la fusione nucleare.

Fra le altre tecnologie il JRC cita le celle a combustibile, utili per i trasporti e per la generazione di elettricità, e lo stoccaggio dell’elettricità, con batterie di nuova generazione.

Infine, una delle strategie più importanti è il miglioramento dell’efficienza energetica, sia nel settore elettrico, con lo sviluppo delle Smart Grids, sia in quello residenziale e industriale, con edifici, impianti e processi più efficienti.

Seguici su

  • Facebook
  • Twitter
  • Flickr
  • Youtube
 
CO2 Neutral