1. In cosa consiste l’operazione di scissione?
La scissione parziale non proporzionale di Enel Green Power in favore della controllante Enel  prevede:
(i) l'assegnazione in favore di Enel della partecipazione totalitaria detenuta dalla stessa Enel Green Power in Enel Green Power International B.V., holding di diritto olandese che detiene partecipazioni in società operanti nel settore delle energie rinnovabili nel Nord, Centro e Sud America, in Europa, in Sudafrica e in India
(ii) l'assegnazione in favore di Enel delle attività, passività, contratti, rapporti giuridici, connessi a tale partecipazione
(iii) il mantenimento in capo ad Enel Green Power di tutte le attività italiane e le residue  partecipazioni estere

A seguito della Scissione, la partecipazione degli azionisti di Enel Green Power sarà concambiata con azioni Enel in applicazione del Rapporto di Cambio pari a 0,486, che rappresenta il numero di azioni Enel assegnate per ogni azione EGP portata in concambio.

L'operazione si configura come una scissione non proporzionale in quanto tutte le azioni Enel Green Power detenute da azionisti diversi da Enel saranno concambiate con azioni Enel, mentre Enel concambierà solo parte delle azioni dalla stessa detenute in Enel Green Power; queste ultime saranno contestualmente annullate.

Alla Data di Efficacia della Scissione pertanto:
- tutti gli azionisti di Enel Green Power diversi da Enel concambieranno le proprie azioni con azioni Enel sulla base del rapporto di cambio sopra indicato
- Enel concambierà parte delle proprie azioni in Enel Green Power con azioni Enel e provvederà al loro contestuale annullamento
- tutte le azioni Enel Green Power concambiate con azioni Enel saranno annullate, con conseguente riduzione del capitale sociale di Enel Green Power
- Enel risulterà di conseguenza l'unico socio di Enel Green Power mentre tutti gli altri soci diverranno azionisti di Enel
- Enel aumenterà il capitale sociale in massime n 770.588.712 azioni destinate ai soci Enel Green Power

L'efficacia della Scissione è comunque subordinata alla circostanza che il valore di liquidazione complessivo delle azioni Enel Green Power in relazione alle quali dovessero essere validamente esercitati il Diritto di Recesso e il Diritto di Vendita non sia superiore a Euro 300.000.000 (c.d. Condizione Sospensiva).​ ​​​

2. Quali sono i passaggi temporali relativi a questa operazione?
Il progetto di scissione è stato approvato dai Consigli di Amministrazione di Enel ed Enel Green Power tenutisi in data 17 novembre 2015.
Tale Progetto è stato predisposto sulla base delle situazioni patrimoniali delle due società partecipanti alla Scissione riferite alla data del 30 settembre 2015.
Il progetto di scissione è subordinato all'approvazione da parte delle Assemblee straordinarie di Enel ed Enel Green Power convocate in data 11 Gennaio 2016, in unica convocazione.
La documentazione relativa all'operazione predisposta dalle società Enel ed Enel Green Power sarà resa pubblica almeno trenta giorni prima delle Assemblee straordinarie degli azionisti di Enel ed Enel Green Power convocate per l'approvazione della Scissione, e sarà consultabile presso la sede sociale, sui siti internet www.enel.com e www.enelgreenpower.com e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato "NIS-Storage" (www.emarketstorage.com).
Inoltre, Enel ed Enel Green Power redigeranno un documento informativo sull'operazione che verrà reso pubblico almeno quindici giorni prima delle Assemblee straordinarie degli azionisti di Enel ed Enel Green Power. L'efficacia della scissione, con l'assegnazione delle azioni agli azionisti di Enel Green Power diversi da Enel, è prevista entro il 31 marzo 2016.​ 

 ​​3. Quali sono le motivazioni dell’operazione?
L'operazione in esame, con la completa integrazione del business delle rinnovabili all'interno del Gruppo Enel, ha motivazioni di natura strategica, industriale e finanziaria e sarà in grado di creare valore sia per Enel Green Power che per Enel.
Dal punto di vista strategico, l'integrazione del business delle rinnovabili è coerente con il mutato contesto in cui si trovano ad operare oggi le utilities del settore energetico che ha trasformato le aziende elettriche da semplici produttori e distributori di energia a fornitori di servizi a valore aggiunto; tali mutamenti stanno di fatto creando nuove opportunità di business che le utilities saranno in grado di cogliere solo se si posizioneranno quali operatori globali e integrati nel sistema elettrico.
All'interno di questo nuovo scenario il Gruppo Enel risulta già essere ben posizionato, in quanto operatore globale in virtù della sua diversificazione geografica e tecnologica e di una base di oltre 61 milioni di clienti.
A ciò si aggiunga che l'integrazione di EGP è in linea con la crescente focalizzazione del Gruppo Enel sulla generazione da fonti rinnovabili, resa evidente in un piano che prevede investimenti per lo sviluppo nelle energie rinnovabili superiore al 50% degli investimenti del Gruppo destinati alla crescita, che fanno di Enel Green Power il motore dello sviluppo di Enel.
L'integrazione presenta peraltro anche motivazioni di natura industriale e finanziaria e crea valore attraverso la crescita e l'integrazione in senso stretto.
Con riferimento alla crescita, l'operazione consente di incrementare significativamente l'attuale capacità di investimento "stand-alone" di EGP, in ragione della maggiore capacità finanziaria del Gruppo Enel, al fine di cogliere ulteriori iniziative di crescita nel business delle rinnovabili.
D'altro canto la piena integrazione delle due strutture, attraverso la capacità di mettere a fattor comune le rispettive competenze manageriali e tecnologiche e la gestione congiunta delle diverse filiere produttive, consente ulteriori benefici in termini di riduzione dei costi e mitigazione del rischio.
Una ulteriore area di possibile ottimizzazione riguarda la riduzione del cosiddetto rischio "merchant", attraverso la gestione accentrata delle coperture nei paesi di compresenza di Enel e Enel Green Power e nella possibilità di proporre un'offerta commerciale integrata.​ 

4. Esistono fattori di rischio legati all’operazione?
I fattori di rischio legati all'operazione saranno riportati nel documento informativo che Enel ed Enel Green Power pubblicheranno almeno 15 giorni prima delle Assemblee straordinarie convocate per approvare l'operazione (e quindi entro il 27 dicembre 2015). Tale documento sarà consultabile presso la sede sociale, sui siti internet www.enel.com e www.enelgreenpower.com e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato "NIS-Storage" (www.emarketstorage.com).​

5. Sono azionista Enel, cosa succederà alle mie azioni?
Lei continuerà a detenere azioni Enel che continueranno ad essere negoziate sul MTA. Le segnalo che il capitale sociale di Enel verrà aumentato per consentire l'ingresso degli attuali azionisti di EGP. ​ 

6. È una operazione fra parti correlate?
Per quanto riguarda Enel, trattandosi di un'operazione realizzata con una società controllata e non essendoci interessi significativi di altre parti correlate, la Scissione è esente dall'applicazione dell'apposita Procedura per la disciplina delle operazioni con parti correlate.
Per quanto riguarda Enel Green Power, la Scissione costituisce un'operazione con parte correlata poiché conclusa con il socio di controllo. Vista la significatività di tale operazione la stessa è qualificata quale "operazione di maggiore rilevanza" e, in quanto tale, è stato coinvolto il Comitato Parti Correlate di Enel Green Power, il quale, in data 16 novembre 2015, ha rilasciato su di essa parere favorevole.​ 

7. È previsto un aumento di capitale?
Per effetto della Scissione, Enel aumenterà il proprio capitale sociale con emissione di massime n. 770.588.712 azioni – aventi godimento regolare e valore nominale di Euro 1,00 ciascuna – da emettere in favore dei soci di Enel Green Power in applicazione del Rapporto di Cambio.
In particolare:
1.   ai soci di Enel Green Power, diversi da Enel, verranno destinate – in applicazione del Rapporto di Cambio – complessive massime n. 770.588.712 azioni di Enel di nuova emissione, a fronte dell'annullamento, in sede di concambio, di complessive n. 1.585.573.483 azioni Enel Green Power detenute da tali soci, mentre
2.  in favore di Enel verranno destinate, e contestualmente annullate senza che si proceda mai alla loro assegnazione, complessive n. 998.451.288 azioni di Enel, a fronte dell'annullamento, in sede di concambio, di n. 2.054.426.517 azioni Enel Green Power da questa detenute; tali azioni non rientreranno quindi nel computo dell'aumento di capitale sopra indicato.

Enel, a seguito della scissione, risulterà l'unico socio di Enel Green Power.
Non è previsto il diritto di opzione per gli attuali azionisti, in quanto trattasi di aumento di capitale riservato agli azionisti di Enel Green Power relativamente all'operazione di Scissione. ​ 

8. Qual è il numero massimo di azioni Enel che verrà emesso?
Enel aumenterà il proprio capitale sociale con emissione di massime n. 770.588.712 azioni destinate ai soci Enel Green Power diversi da Enel. Sono escluse da tale computo le azioni destinate al socio Enel, in quanto le predette azioni saranno annullate contestualmente all'emissione senza che si proceda mai alla loro assegnazione(vedi punto precedente). Il numero esatto di azioni Enel di nuova assegnazione sarà determinato solo ad esito della procedura di liquidazione delle azioni eventualmente oggetto dei diritti di vendita e di recesso da parte degli azionisti EGP.​​

9. Quale sarà il valore nominale di tali azioni?
Le azioni rinvenienti dall'aumento di capitale avranno godimento regolare e valore nominale di Euro 1,00 ciascuna.​

10. A seguito dell’aumento di capitale si verificherà una diluizione della mia partecipazione in Enel?
Sì, il capitale sociale di Enel verrà aumentato per consentire l'ingresso degli attuali azionisti di EGP; la diluzione massima degli attuali azionisti di Enel è pari al 7,57%.​

11. Sono azionista Enel, avrò la possibilità di sottoscrivere nuove azioni a seguito dell’aumento di capitale?
No, l'aumento di capitale è riservato agli azionisti di Enel Green Power, in quanto attuato esclusivamente a servizio e in conseguenza dell'operazione di Scissione.​ 

12. Quali sono gli elementi patrimoniali di Enel Green Power che verranno assegnati a Enel?
La Scissione verrà deliberata sulla base delle situazioni patrimoniali di Enel e di Enel Green Power riferite alla data del 30 settembre 2015. La Scissione comporterà l'assegnazione della quasi totalità delle partecipate estere e delle attività finanziarie di Enel Green Power facenti capo alla Holding finanziaria di diritto olandese Enel Green Power International BV in favore di Enel, mentre Enel Green Power manterrà le attività italiane e le residue partecipazioni estere.
In particolare, gli elementi patrimoniali che, per effetto della Scissione, verranno assegnati a Enel sono i seguenti (il "Compendio Scisso"):
1)  partecipazione totalitaria nella società di diritto olandese Enel Green Power International BV
2)  credito finanziario a breve termine vantato nei confronti della società Enel Green Power North America Ltd. relativamente a una operazione di ristrutturazione finanziaria effettuata nel 2014; tale credito finanziario risulta coperto dal rischio di cambio mediante un contratto di currency forward
3)  rapporti giuridici relativi alla linea di finanziamento a lungo termine con Enel Green Power International BV
4)  rapporti giuridici nei confronti dei 6 dipendenti facenti parte del ramo costituente il Compendio Scisso e le conseguenti partite patrimoniali attive e passive ad essi riferite
5)  garanzie rilasciate da Enel Green Power nell'interesse di Enel Green Power International BV e sue controllate relative alla copertura di taluni impegni assunti.​

13. Quante sono le azioni di Enel Green Power oggetto di concambio?
Le Azioni Enel Green Power portate in concambio sono pari a n. 3.640.000.000.​ 

14. A seguito dell’operazione a quanto ammonterà il capitale sociale di Enel Green Power?
Alla Data di Efficacia della Scissione, tutte le n. 3.640.000.000 azioni di Enel Green Power (corrispondenti al ramo di azienda scisso) verranno integralmente annullate, pertanto il capitale sociale di Enel Green Power sarà ridotto dagli attuali complessivi euro 1.000.000.000 (un miliardo) a complessivi euro 272.000.000 (duecentosettantaduemilioni).​

15. Qual è il rapporto di Cambio? Com’è stato determinato?
Il CdA di Enel ed Enel Green Power, con il supporto dei propri advisors finanziari (JP Morgan e Credit Suisse per Enel e Barclays e Mediobanca per Enel Green Power) ha determinato il seguente rapporto di cambio:
0,486 Azioni Enel del valore nominale di Euro 1 per ogni azione EGP portata in concambio.

Tale rapporto di cambio è stato determinato sulla base di una pluralità di metodi e criteri di valutazione di natura analitica e di mercato, in considerazione delle caratteristiche specifiche di Enel ed Enel Green Power, che saranno illustrati nella relazione degli amministratori che verrà messa a disposizione del pubblico almeno 30 giorni prima delle Assemblee straordinarie convocate per approvare l'operazione (e quindi entro il 12 dicembre 2015). Tali relazioni saranno consultabili presso la sede sociale, sui siti internet www.enel.com e www.enelgreenpower.com e sul meccanismo di stoccaggio autorizzato "NIS-Storage" (www.emarketstorage.com).​ 

16. E’ previsto un conguaglio in denaro?
No, non sono previsti conguagli in denaro.​ 

17. Come avverrà l’assegnazione delle azioni di Enel agli azionisti Enel Green Power?
L'assegnazione ai soci di Enel Green Power, diversi da Enel, delle azioni Enel di nuova emissione avverrà, in regime di dematerializzazione e per il tramite degli intermediari autorizzati, a partire dalla Data di Efficacia della Scissione, con i tempi e con le modalità che verranno resi noti al mercato mediante la pubblicazione di apposito avviso sul sito internet di Enel Green Power (www.enelgreenpower.com), su almeno un quotidiano a diffusione nazionale nonché sul meccanismo di stoccaggio autorizzato "NIS-Storage" (www.emarketstorage.com).
Le azioni Enel di nuova emissione saranno quotate sul MTA al pari delle azioni già in circolazione.
Nessun onere verrà posto a carico degli azionisti di Enel Green Power per le operazioni di concambio.
Sarà messo a disposizione degli azionisti di Enel Green Power un servizio per consentire di arrotondare all'unità immediatamente inferiore o superiore il numero di azioni spettanti in applicazione del Rapporto di Cambio, senza aggravio di spese, bolli o commissioni.​ 

18. Quando saranno assegnate le azioni?
Le azioni saranno assegnate alla Data di Efficacia della Scissione che verrà riportata nell'atto di scissione e resa nota al pubblico con apposito comunicato. È previsto che l'operazione sia efficace entro il 31 marzo 2016.​

19. Quali saranno i diritti relativi alle azioni assegnate?
Le azioni Enel emesse a servizio del Rapporto di Cambio avranno godimento regolare.​ 

20. Quale sarà la data di efficacia della Scissione?
La data di decorrenza degli effetti della Scissione corrisponderà all'ultima delle iscrizioni delle delibere delle assemblee che hanno approvato il progetto di scissione ovvero alla eventuale data successiva indicata nell'atto di Scissione. Tale data verrà resa nota al pubblico con apposito comunicato. È previsto che l'operazione sia efficace entro il 31 marzo 2016.​

21. Quale sarà l’assetto proprietario di Enel a seguito della scissione?

Azionisti Enel (sopra 2%)

% del capitale sociale con diritto di voto

Ministero dell'Economia e delle Finanze

23,569

Tale percentuale è stata calcolata assumendo che nessuno degli azionisti EGP eserciti il Diritto di Recesso o il Diritto di Vendita previsti ai sensi di legge. La percentuale esatta sarà determinata solo ad esito della procedura di liquidazione delle azioni eventualmente oggetto dei predetti diritti.​ 

22. Quale sarà l’assetto proprietario di Enel Green Power a seguito della scissione?
A seguito della Scissione, Enel deterrà direttamente il 100% del capitale sociale di Enel Green Power.​

23. È previsto il Diritto di Recesso? Quali sono le modalità per esercitarlo?
Gli azionisti di Enel Green Power che, all'Assemblea convocata per l'11 gennaio 2016, non concorreranno all'approvazione del Progetto di Scissione saranno legittimati ad esercitare il diritto di recesso, ai sensi dell'art. 2437, comma 1, lett. a), cod. civ., in quanto Enel ha una clausola dell'oggetto sociale che consente un'attività significativamente diversa rispetto a quella descritta nella clausola dell'oggetto sociale di Enel Green Power.
Il Diritto di Recesso potrà essere esercitato per un Valore di Liquidazione unitario dell'azione EGP, determinato ai sensi dell'art. 2437-ter, comma 3, cod. civ., pari a Euro 1,780 per ciascuna azione EGP.
I soggetti legittimati all'esercizio del Diritto di Recesso potranno esercitare tale diritto, per tutte o parte delle azioni possedute, mediante lettera raccomandata che dovrà essere spedita presso la sede legale di Enel Green Power entro quindici giorni di calendario dalla data dell'iscrizione della relativa delibera assembleare (la "Dichiarazione").
Con le stesse modalità deve essere inviata a Enel Green Power un'idonea comunicazione, rilasciata da un intermediario autorizzato, che attesti (i) la titolarità in conto delle azioni oggetto di esercizio del Diritto di Recesso il giorno dell'Assemblea la cui delibera ha legittimato l'esercizio del relativo diritto e (ii) la titolarità in conto delle azioni oggetto di esercizio del Diritto di Recesso alla data della Dichiarazione.
La Dichiarazione dovrà contenere le seguenti informazioni:
-   le generalità dell'azionista recedente, ivi incluso il codice fiscale
-   il domicilio dell'azionista recedente per le comunicazioni relative alla procedura, ivi incluso il numero di telefono e l'indirizzo e-mail
-   il numero di azioni per le quali viene esercitato il Diritto di Recesso
-   il codice IBAN del conto corrente bancario presso il quale accreditare l'importo del rimborso delle azioni oggetto di esercizio del Diritto di Recesso.

La Dichiarazione dovrà, inoltre, contenere l'indicazione dell'intermediario presso cui sono depositate le azioni oggetto di esercizio del Diritto di Recesso e l'attestazione che tali azioni sono libere da pegni o da altri vincoli in favore di terzi. Qualora le azioni oggetto di recesso siano gravate da pegni o da altri vincoli in favore di terzi, l'azionista recedente dovrà, altresì, allegare alla Dichiarazione una dichiarazione del creditore pignoratizio o del soggetto a cui favore sia apposto il vincolo, con la quale tale soggetto presti il proprio consenso irrevocabile e incondizionato alla liberazione delle azioni dal pegno e/o dal vincolo e alla relativa liquidazione in conformità alle istruzioni dell'azionista recedente.
Le informazioni relative alle modalità e ai termini dell'esercizio del Diritto di Recesso verranno comunque rese note da Enel Green Power con le modalità previste dalla normativa vigente.
Per richiedere maggiori informazioni sul contenuto della Dichiarazione, è possibile contattare il numero verde 800-132313 

24. Relativamente a questa operazione, è possibile esercitare il diritto di Vendita?
Gli azionisti di Enel Green Power che, all'Assemblea convocata per l'11 gennaio 2016, non dovessero concorrere all'approvazione della Scissione avranno il diritto di far acquistare le proprie azioni Enel Green Power da Enel.
Il Diritto di Vendita potrà riguardare tutte, o anche solo parte delle, azioni EGP possedute dai soci di Enel Green Power che esercitino il Diritto di Vendita stesso; il corrispettivo unitario dell'azione EGP sarà pari a Euro 1,780 per ciascuna azione EGP.
I soggetti legittimati all'esercizio del Diritto di Vendita potranno esercitare tale diritto mediante lettera raccomandata che dovrà essere spedita presso la sede legale di Enel Green Power entro quindici giorni di calendario dalla data dell'iscrizione della relativa delibera assembleare (la "Dichiarazione").
Con le stesse modalità deve essere inviata a Enel Green Power un'idonea comunicazione, rilasciata da un intermediario autorizzato, che attesti (i) la titolarità in conto delle azioni oggetto di esercizio del Diritto di Vendita il giorno dell'Assemblea la cui delibera ha legittimato l'esercizio del relativo diritto e (ii) la titolarità in conto delle azioni oggetto di esercizio del Diritto di Vendita alla data della Dichiarazione.
La Dichiarazione dovrà contenere le seguenti informazioni:
-   le generalità dell'azionista venditore, ivi incluso il codice fiscale
-   il domicilio dell'azionista venditore per le comunicazioni relative alla procedura, ivi incluso il numero di telefono e l'indirizzo e-mail
-   il numero di azioni per le quali viene esercitato il Diritto di Vendita
-   il codice IBAN del conto corrente bancario presso il quale accreditare l'importo del rimborso delle azioni oggetto di esercizio del Diritto di Vendita.

La Dichiarazione dovrà, inoltre, contenere l'indicazione dell'intermediario presso cui sono depositate le azioni oggetto di esercizio del Diritto di Vendita e l'attestazione che tali azioni sono libere da pegni o da altri vincoli in favore di terzi. Qualora tali azioni siano gravate da pegni o da altri vincoli in favore di terzi, l'azionista venditore dovrà, altresì, allegare alla Dichiarazione una dichiarazione del creditore pignoratizio o del soggetto a cui favore sia apposto il vincolo, con la quale tale soggetto presti il proprio consenso irrevocabile e incondizionato alla liberazione delle azioni dal pegno e/o dal vincolo e alla relativa liquidazione in conformità alle istruzioni dell'azionista venditore.
Le informazioni relative alle modalità e ai termini dell'esercizio del Diritto di Vendita verranno comunque rese note da Enel Green Power con le modalità previste dalla normativa vigente.
Le informazioni relative alle modalità e ai termini dell'esercizio del Diritto di Vendita si possono richiedere contattando il numero verde 800-132313.​

25. Posso esercitare sia il Diritto di Vendita che il Diritto di Recesso?
Sì. Fermo restando che entrambi i diritti non possono essere esercitati con riferimento alle medesime azioni.​

26. L’operazione è subordinata a condizioni sospensive?
L'efficacia della Scissione è subordinata alla circostanza che il valore di liquidazione complessivo delle azioni Enel Green Power in relazione alle quali dovesse essere validamente esercitato il Diritto di Recesso e il Diritto di Vendita non sia superiore a Euro 300.000.000.
La Condizione Sospensiva si intenderà ugualmente realizzata – anche in caso di superamento del limite sopra indicato – qualora Enel, entro 60 giorni di calendario dall'ultima iscrizione presso il Registro delle Imprese di Roma delle delibere assembleari di approvazione della Scissione ex art. 2502 cod. civ., dichiari la sua intenzione di procedere all'acquisto di tutte le azioni per le quali sono stati esercitati i diritti di cui sopra.
Enel ed Enel Green Power renderanno noti i dati relativi all'avveramento o al mancato avveramento della Condizione Sospensiva, mediante avviso pubblicato sui rispettivi siti internet e su almeno un quotidiano a diffusione nazionale.​