L'innovazione che fa correre l'auto elettrica. Le ricariche veloci e user friendly di Enel

Pubblicato mercoledì, 28 maggio 2014

Veloci e adatti ai modelli di auto più diffusi sul mercato. I sistemi di ricarica Enel per i veicoli elettrici diventano sempre più smart e, tra Italia e Spagna, le soluzioni pensate per i guidatori 2.0 crescono di giorno in giorno coniugando innovazione, efficienza, standardizzazione e interoperabilità.

Punti di ricarica sempre più user friendly, adatti ai diversi sistemi in uso sui veicoli elettrici in commercio e in grado di erogare elettricità senza vincolare il consumatore a un singolo distributore di fornitura. La versatilità dei sistemi per fare il 'pieno di elettricità' alle auto è uno dei principali obiettivi per tutti gli operatori impegnati nello sviluppo della mobilità elettrica. E il Gruppo sta percorrendo le strade di standardizzazione e interoperabilità ottenendo soluzioni innovative frutto di un attività di ricerca che dura ormai da anni e può contare su partnership con case automobilistiche, utility dell'energia e delle TLC, amministrazioni pubbliche e organismi internazionali.

Il sistema Fast recharge, sviluppato da Enel Distribuzione in collaborazione con Renault, permette la ricarica veloce a 43 kW di potenza in corrente alternata e garantisce il pieno di elettricità in 30 minuti a differenza del tempo medio di ricarica che, per la maggior parte delle altre stazioni oggi attive, si aggira tra le 6 e le 8 ore.

La stazione FasTo, realizzata da Endesa, incorpora in un'unica struttura di distribuzione tutti i differenti sistemi di ricarica rapida (CCS, IEC 626196-2 e CHAdeMO) oggi installati sui veicoli elettrici disponibili sul mercato.

Le soluzioni nate dal Gruppo sono all'avanguardia in fatto di accessibilità, tempi di ricarica e integrazione con le dinamiche delle smart grid. In tre anni, a partire dal 2010, l'attività di implementazione di Enel ha portato alla realizzazione di tre generazioni evolutive delle strutture di ricarica e allo sviluppo del sistema Electric mobility managemnt (EMM) che monitora in remoto i processi di ricarica garantendo una integrazione sostenibile dell'infrastruttura complessiva dei punti di rifornimento all'interno della rete di distribuzione. Inoltre sono già in fase di sperimentazione sistemi di ricarica wireless in movimento e presto – è il caso dell'Italia – le colonnine per il 'pieno di elettricità' verranno attivate anche in alcune stazioni di servizio affianco ai tradizionali distributori di carburante.