A Stillwater si studia l'energia

Pubblicato mercoledì, 3 settembre 2014

Fotovoltaico, geotermico e solare termodinamico: l'impianto Enel Green Power di Stillwater (USA) è un esempio di integrazione tra rinnovabili nel quale efficienza, sostenibilità e tutela dell'ambiente sono combinate grazie all'innovazione.

Un'eccellenza che ha catalizzato l'interesse di istituzioni ed enti di ricerca negli USA, e ha portato alla sottoscrizione di un accordo di "Cooperative Research and Development Agreement" (CRADA) tra EGP, il National Renewable Energy Laboratory (NREL) e l'Idaho National Laboratory (INL), sotto la supervisione del U.S. Department of Energy Geothermal Technologies Office (GTO), con l'obiettivo di esplorare il potenziale dell'impianto.

In base all'accordo, a partire dal prossimo anno EGP, NREL, INL e GTO lavoreranno insieme per modellare la combinazione di sistemi geotermici e a concentrazione solare, convalidando i risultati simulati con i dati reali dalla struttura di Stillwater. I frutti di questo lavoro saranno utilizzati per esplorare e quantificare i potenziali benefici di diverse strategie operative e schemi di integrazione, con l'obiettivo di aprire le porte allo sviluppo di nuovi impianti ibridi da energie rinnovabili.

La costruzione di impianti ibridi, che combinano più fonti rinnovabili nel medesimo sito, è una delle direttrici lungo cui si sviluppa la strategia di EGP nell'innovazione. La centrale geotermica di Stillwater, per esempio, è stato il primo impianto ibrido al mondo in grado di unire la capacità di generazione continua della geotermia a media entalpia con ciclo binario con la capacità di picco del solare. I 2 MW dell'impianto a concentrazione sono attualmente in costruzione e, al termine dei lavori, opereranno a fianco dei 33 MW dell'esistente centrale geotermica, già integrata con un parco fotovoltaico da 26 MW.

L'innovazione sul fronte degli impianti ibridi verrà perseguita anche in Cile, dove EGP sta realizzando un impianto composto da fotovoltaico, mini eolico e sistema co-generativo, per la produzione combinata di energia elettrica e acqua calda per la scuola del villaggio di Ollagüe. La potenza installata sarà di 232 kW con una capacità produttiva pari a circa 460 MWh all'anno. Sarà un impianto di tipo "stand alone", ossia non collegato alla rete elettrica nazionale, e comprenderà un sistema di accumulo elettrochimico da 520 kWh.