È la sostenibilità il futuro del business

Pubblicato giovedì, 30 ottobre 2014

La creazione di valore per le aziende, oggi, passa sempre di più dall'integrazione di principi e pratiche di sostenibilità nelle strategie di business. Ciò significa dar vita a un modello di sviluppo capace di promuovere in parallelo competitività e rispetto delle condizioni ambientali e sociali delle comunità in cui le imprese operano.

È quanto emerge dal report “New Business Models – Shared value in the 21st century”, frutto della collaborazione tra Fondazione Centro Studi Enel e l'Economist Intelligence Unit (Eiu). Lo studio, presentato a Milano in occasione della seconda edizione del Salone della CSR e dell'innovazione sociale promosso dall'Università Bocconi, analizza come le aziende percepiscano la sostenibilità e come questa si traduca in nuovi modelli di business sempre più orientati al concetto di “valore condiviso” (Shared Value), ovvero alla capacità di “rispondere ai bisogni presenti senza compromettere la capacità delle generazioni future di soddisfare i propri”. 

Fotografare la percezione dell'evoluzione dei principi e delle pratiche di sostenibilità nel business è stato il cardine della ricerca, spiega Renata Mele, responsabile Area di Ricerca, Sviluppo Sostenibile e Innovazione della Fondazione Centro Studi Enel. “Per questo, aggiunge, è stata realizzata un'indagine intervistando 285 top manager di aziende attive in Asia, Europa e Nord America. A loro sono state rivolte domande sull'integrazione dei principi di sostenibilità, sul loro impatto diretto su affari e strategie, e su quali sviluppi prevedono per il modello di valore condiviso come base del proprio business”.

Secondo Aviva Freudmann, Direttore di Ricerca per l'EMEA della Eiu, l'obiettivo di una policy aziendale di sostenibilità dovrebbe essere quello di garantire il fatto che le risorse utilizzate oggi siano ancora disponibili per le future generazioni di domani. 

Lo studio presentato a Milano”, sottolinea Marina Migliorato, CSR di Enel, “è il risultato dell'impegno dell'azienda nello sviluppo del tema della responsabilità d'impresa. Il Gruppo non poteva sottrarsi al suo ruolo, come player internazionale e come una delle realtà più interessanti in termini di buone pratiche di sostenibilità in Italia. Le future generazioni, la disoccupazione giovanile, l'inclusione sociale sono tutti temi all'ordine del giorno del nostro Paese. Su cui Enel, come ha sempre fatto, intende dare in maniera ancora più innovativa il proprio contributo. Da anni infatti - ricorda poi Migliorato - l'azienda ha assegnato un ruolo chiave alla pianificazione e alla gestione dei fattori ESG (Environment Social Governance) nel business model, sia a livello nazionale che globale, integrando non solo la sostenibilità ma anche l'eccellenza operativa”.