Enel continua a espandersi nel settore dell'upstream gas

Pubblicato giovedì, 23 ottobre 2014

Enel si è aggiudicata, insieme alla multinazionale Dragon Oil, due lotti per l'esplorazione di gas in Algeria nella gara lanciata a gennaio 2014 da ALNAFT, l'ente algerino che gestisce i diritti di assegnazione dei contratti per lo sfruttamento di idrocarburi nel Paese.

“L'assegnazione dei lotti di esplorazione” ha dichiarato Ruggero Aricò, responsabile delle Relazioni Esterne Enel in Algeria “è molto importante per noi, perché è il risultato di un lavoro di molti mesi iniziato subito dopo il lancio del bando da parte di ALNAFT. Le aree che interessavano la gara, con enorme potenziale esplorativo, erano dislocate in tutto il Paese e Enel si è aggiudicata due grandi blocchi: Msari Akabli nel sud ovest dell'Algeria e Tinrhert a sud est. Nel blocco di Msari Akabli siamo stati qualificati per la prima volta nel Paese come operatori on-shore. I contratti di esplorazione e sfruttamento, in base alle procedure, saranno stilati entro la fine del mese”.

Enel ha intrapreso da anni una strategia di crescita nel settore upstream gas, che riguarda le operazioni di esplorazione ed estrazione e, nel caso del gas naturale, di liquefazione.

L'azienda consolida in questo modo la propria dimensione di gruppo integrato verticalmente, con attività che vanno dalla produzione di energia elettrica e gas alla loro distribuzione e vendita ai clienti finali.

Con l'assegnazione dei lotti di esplorazione, Enel rafforza inoltre la sua presenza in Algeria dove è impegnata nello sviluppo della concessione di riserve la cui entrata in produzione è prevista nel 2018. Con l'acquisto del 15 per cento dell'export di gas, oltre ad essere il terzo cliente dell'Algeria, Enel contribuirà direttamente allo sviluppo delle consistenti risorse del Paese e al mantenimento della stabilità dei livelli delle esportazioni.