COP 20 Perù, una tappa strategica per il futuro

Pubblicato venerdì, 5 dicembre 2014

Si è aperta a Lima, in Perù, lo scorso 1° dicembre la COP 20, la ventesima conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, che fino al 12 dicembre riunirà oltre 10mila delegati nell'annuale negoziato, in preparazione del nuovo accordo globale per la riduzione delle emissioni di gas serra.

Il Gruppo Enel partecipa con progetti e servizi dedicati allo sviluppo della mobilità elettrica e delle smart grids, coniugando i principi di sostenibilità e tutela dell'ambiente con il business dei servizi energetici. In questo contesto la controllata peruviana Edelnor ha ricevuto dal Ministero dell'Ambiente, insieme alla Fondazione spagnola Corresponsables, il premio "Corresponsables 2013", per il contributo all'educazione dei giovani più disagiati attraverso il sostegno all'Istituto Tecnico Nuevo Pachacútec. Sempre Edelnor è sponsor del "First National Environment Prize", promosso per valutare le migliori performance ambientali tra imprese, enti di beneficenza, scuole e altre categorie.

L'8 dicembre, inoltre, Enel Foundation presenterà lo studio "The energy efficiency gap and its implications on future climate policy", edito nell'ambito del Harvard Project on Climate Agreements, che analizza la situazione odierna in tema di efficienza energetica e individua i settori chiave su cui puntare nel futuro, oltre a sollecitare un miglioramento del quadro normativo in quest'ambito, e l'investimento in politiche che orientino i prezzi del mercato dell'energia e gli incentivi. Per Enel interviene Daniele Maria Agostini, responsabile Environmental and Low Carbon Policies - European Affairs Department, insieme ai rappresentanti delle Università di Duke e Harward.

In materia di sostenibilità, il focus sarà sulla collaborazione sviluppata nell'ambito del programma ONU Enabling ELectricity da Enel Green Power con il Barefoot College: un progetto di elettrificazione delle aree rurali periferiche e suburbane che ha coinvolto donne tra i 35 ei 50 anni, trasformandole in tecnici capaci di installare e mantenere i pannelli solari nelle loro comunità.

Il summit peruviano rappresenta una tappa fondamentale nell'attuale roadmap, intrapresa a seguito delle decisioni della COP 17 del 2011 a Durban: un percorso che porterà a un nuovo accordo globale sul cambiamento climatico, da siglare nel corso della COP 21 del 2015