Il Cile sostenibile cresce con Enel

Pubblicato mercoledì, 15 aprile 2015

Le rinnovabili del Cile in marzo hanno sfondato il muro dei 2GW di capacità installata. E il Paese ha raggiunto il risultato grazie a Enel Green Power e alla messa in esercizio del suo parco eolico di Talinay Poniente, nella regione di Coquimbo. La coincidenza da un lato rivela il ruolo di primo piano svolto all'azienda delle rinnovabili di Enel nello sviluppo delle fonti verdi del Paese latinoamericano, dall'altro documenta quanto il Gruppo partecipi alla sua crescita sostenibile.

La presenza di Enel in Cile si esprime a 360 gradi tra generazione, distribuzione e vendita di energia. Attraverso Enersis e le altre società controllate, il Gruppo può contare su diversi primati: è il principale produttore e distributore di elettricità, con una capacità installata pari a circa 6,6 GW e una produzione annua netta di quasi 20 TWh tra fonti tradizionali e rinnovabili; ha realizzato Smart city Santiago, la prima città intelligente del Paese; ha raggiunto con EGP i 534 MW di capacità di generazione  da fonti rinnovabili, realizzandone più del doppio del secondo produttore del settore nel Paese. A tutto questo poi si aggiungono gli oltre oltre un milione e 700 mila clienti finali del mercato retail serviti da Chilectra, sempre più attiva nella proposta di offerte ai consumatori su misura e ad alto valore aggiunto, non ultimo il progetto eco-energia full electric.

Innovazione e smart tech e rinnovabili sono tre fronti di sviluppo del Paese latinoamericano che si è posto obiettivi ambiziosi in fatto di sostenibilità economica ed energetica. Ed il Gruppo risponde a questa richiesta anche con lo sviluppo delle reti elettriche in ottica digitale e smart, grazie al know how di Enel Distribuzione, e di nuove soluzioni tecnologiche come quelle al centro dell'accordo che vede EGP protagonista per creare proprio in Cile il Marine Energy Research and Innovation (MERIC), centro globale di eccellenza per lo sviluppo di nuove tecnologie.