Per Enel è (sempre) l'ora del Brasile

Pubblicato mercoledì, 3 giugno 2015

Il Brasile rappresenta uno dei fronti di sviluppo più interessanti per Enel. Il Gruppo destina al colosso latinoamericano particolare attenzione nel Piano industriale, che tra l'altro prevede di indirizzare il 49% degli investimenti del quinquennio alla crescita della sua attività nel continente, e lo include con Cile e Messico nel terzetto di Paesi chiamati a realizzare il 38% dei 7,1 GW di nuova capacità installata da fonti rinnovabili entro il 2019. Ma la presenza di Enel in Brasile non è solo legata alla generazione, si compone anche di altre linee di attività, che vanno dalla distribuzione al mercato retail e sono anch'esse ambiti di sviluppo e crescita importanti per il Gruppo.

Il Brasile delle rinnovabili è al centro dell'attenzione del Gruppo ormai da diverso tempo. Con 376 MW installati, di cui 283 MW di eolico, e 28 impianti in esercizio, Enel Green Power ha segnato nel Paese una crescita costante, che anche nei primi cinque mesi del 2015 ha vissuto ulteriori sviluppi con 129 MW nuovi entrati nell'orizzonte di EGP tra gare aggiudicate e impianti di cui è iniziata la costruzione. Del resto il Paese, che nel suo mix di generazione vede l'idroelettrico al 71%, ha dovuto intraprendere la strada delle nuove FER quasi per obbligo: la continua crescita della domanda di energia (+3,2% all'anno) e i lunghi periodi di siccità hanno spinto il governo brasiliano ad ampliare la capacità elettrica e a diversificare maggiormente le fonti rivolgendosi in particolare a fotovoltaico e solare.

Per sostenere lo sviluppo del Paese tuttavia le rinnovabili non sono sufficienti. Le stesse fonti pulite pagano infatti l'arretratezza del sistema di distribuzione che ad oggi presenta un elevato livello di perdite di rete pari a circa il 15% dell'elettricità immessa. Per questo l'esperienza maturata dal Gruppo nell'efficientamento delle reti e nell'automazione della distribuzione in ottica smart rappresenta un ulteriore elemento di sviluppo per Enel, che in tutta l'America Latina ha già avviato da tempo una serie di interventi di miglioramento del servizio di distribuzione. Tra i risultati già ottenuti in questo ambito nel continente si possono annoverare la riduzione del 40% del numero medio annuo delle interruzioni della fornitura e l'introduzione dei sistemi digitali di work force management per la gestione efficiente degli interventi sul territorio.

Il servizio ai consumatori del mercato retail è l'ulteriore ambito di attività del Gruppo in Brasile, che è presente nel Paese con tre società impegnate nella fornitura di elettricità ai clienti finali. Ampla, Coelce e Prátil servono in tutto più di 6,5 milioni di brasiliani ai quali stanno offrendo un ventaglio sempre più ampio di soluzioni, che non si limitano più alla semplice commodity ma integrano anche servizi a valore aggiunto come l'illuminazione domestica a LED, impianti per l'auto produzione alimentati da fonti rinnovabili, sistemi di climatizzazione e motori elettrici ad alta efficienza energetica e anche soluzioni per la mobilità sostenibile come le biciclette elettriche.