E-Mobility, Endesa accelera

Pubblicato martedì, 8 settembre 2015

Ridurre le emissioni di CO2 nel settore dei trasporti è uno dei principali obiettivi dei governi europei e mondiali per contrastare i cambiamenti climatici. Sviluppo e diffusione di veicoli elettrici e di sistemi di ricarica in grado di rendere sempre più pratica e conveniente la e-mobility rappresentano una delle principali sfide degli operatori energetici e dell'automotive.

A dimostrarlo anche il recente Global EV Outlook 2015 dell'IEA (International Energy Agency) secondo cui tra il 2008 e il 2014 gli investimenti dei diversi Paesi nella promozione della mobilità elettrica e nelle tecnologie collegate sono cresciuti costantemente, è aumentato il numero dei veicoli elettrici venduti, così come quello delle reti di rifornimento. Tra il 2012 e il 2014 le colonnine di ricarica standard – che consentono solo la ricarica lenta - sono più che raddoppiate mentre i punti Fast-Recharge sono aumentati di otto volte.

Un settore quello della mobilità elettrica che trova in Endesa, la controllata spagnola del Gruppo Enel, uno dei principali leader mondiali sia nella sperimentazione ed evoluzione dei sistemi di ricarica che nella promozione della e-mobility.

A dimostrarlo il progetto Zem2All (emissioni zero per tutti), grazie al quale Endesa ha installato nella città di Malaga, già al centro di un progetto smart city, 23 punti di ricarica per e-car, creando la più grande rete Fast-Recharge mai sviluppata in una città europea. Dall'avvio dell'iniziativa nel 2013, le 209 auto elettriche che hanno aderito al progetto hanno percorso circa tre milioni di chilometri, pari a 75 volte il giro della Terra. Per coprire questa distanza, i conducenti si sono fermati oltre 95.000 volte a fare “il pieno” nei punti di ricarica, evitando l'emissione di 286 tonnellate di CO2 nell'atmosfera. Un risultato che si otterrebbe solo piantando 953 alberi.

Con Zem2All, veicoli e infrastrutture di rifornimento sono collegati a un centro di controllo che invia informazioni in tempo reale, utili per agevolare e rendere più efficienti gli spostamenti in città grazie all'utilizzo di un’apposita applicazione per smartphone. Questa permette di avere informazioni sul livello di carica dei veicoli e di prenotare un posto in uno dei punti di ricarica più vicino.

Sulla falsariga di Zem2All, Endesa ha di recente sviluppato eCAR, il primo Fast Self-Charging Club dedicato alla ricarica veloce di auto elettriche. Alla base dell'iniziativa la realizzazione nell'isola di Maiorca di una rete intelligente di sei punti di ricarica rapida (80 per cento della batteria in meno di 30 minuti), in grado di assicurare la piena autonomia “elettrica” per gli spostamenti nell'isola. I punti di rifornimento sono stati distribuiti in località strategiche, con una percorrenza media tra un'infrastruttura e l'altra di 35 chilometri. Le colonnine dispongono delle tre tipologie di connettori attualmente disponibili sul mercato, consentendo a tutti i tipi di veicoli elettrici di rifornirsi. Il costo del “pieno” viene addebitato direttamente in bolletta e, come per Zem2All, a disposizione degli utenti c'è un'app scaricabile su smartphone, per individuare i punti di ricarica più vicini, trovare il miglior percorso disponibile e calcolare i tempi di viaggio.

Sempre nel quadro delle iniziative per la mobilità elettrica e le smart city, Endesa ha aderito nei mesi scorsi al progetto GrowSmarter, sostenuto dalla Commissione Europea attraverso il programma Horizon 2020 (H2020). Avviata a fine aprile, l'iniziativa prevede l'installazione a Barcellona di cinque punti di ricarica FASTO, una tecnologia sviluppata dal gruppo Enel che permette di ricaricare in 20-30 minuti fino a tre veicoli contemporaneamente. A questi si aggiungeranno tre postazioni V2G (Vehicle-to-Grid), un sistema di ricarica bidirezionale messo a punto da Endesa, che oltre a rifornire le e-Car consente di utilizzarne le batterie come dispositivi di accumulo, permettendo di reimmettere in rete l'elettricità immagazzinata. I punti di ricarica – che verranno installati in aree di sosta e in un centro commerciale del quartiere Glories – saranno utilizzati da una flotta di 20 taxi a trazione totalmente elettrica.