Il valore aggiunto di Enel in Romania

Pubblicato martedì, 1 settembre 2015

Un’estate all’insegna dell’innovazione nel mercato energetico romeno, grazie ai nuovi servizi offerti dalle società locali del Gruppo.

In collaborazione con Europ Assistance, Enel ha lanciato Enel Confort, un pacchetto che include, oltre a tariffe elettriche vantaggiose, un servizio a valore aggiunto per l’ intervento immediato (24 ore su 24) in caso di necessità di riparazioni all’impianto elettrico. Il servizio è dedicato ai clienti di Enel Energie Muntenia e Enel Energie e sarà disponibile anche a livello nazionale per i clienti business che hanno scelto Enel come fornitore di elettricità sul mercato libero. Già dalla fine del 2014 erano disponibili Enel Asistenta e Enel Asistenta+, pacchetti di offerte per i clienti residenziali di Enel Energie Muntenia e Enel Energie che consentono l’accesso a una vasta gamma di servizi, ad esempio l’intervento di un fabbro o la riparazione dello scaldacqua elettrico.

Enel Energie e Enel Energie Muntenia hanno poi sviluppato la card MyEnel, che consente ai clienti residenziali di pagare i propri consumi elettrici presso tutti i punti di pagamento dedicati, senza necessità della bolletta cartacea. Grazie a MyEnel i clienti potranno autenticarsi agli Enel Kiosks collocati all’interno degli Enel Points per comunicare letture, vedere lo storico dei pagamenti e inviare domande, reclami e suggerimenti.

La card MyEnel rappresenta un ulteriore passo verso la digitalizzazione dei servizi che Enel sta portando avanti in Romania, dopo essere stata la prima compagnia elettrica a introdurre nel Paese la bolletta elettronica e un’app di customer care per smartphone e tablet.

Attiva sul mercato romeno dal 2005, Enel è attualmente il più grande investitore privato nel settore energetico del Paese, con attività di generazione da fonti rinnovabili, distribuzione, e vendita. Con oltre 3.100 dipendenti, l’azienda fornisce servizi a 2,7 milioni di clienti in tre aree strategiche: Muntenia Sud (che comprende l’area di Bucarest), Banat e Dobrogea, pari a un terzo del mercato della distribuzione elettrica in Romania.