Da un mix globale di idee nascerà la casa del futuro

Pubblicato giovedì, 1 ottobre 2015

Il sogno della casa del futuro, con elettrodomestici interconnessi e gestibili a distanza per favorire l’efficienza energetica e ridurre l’impatto ambientale, sta per diventare realtà in diverse aree del mondo grazie all’impegno del gruppo Enel.

In Brasile, la società di Enel Ampla ha lanciato il progetto di crowdsourcing NO.V.A. (Nós Vivemos o Amanhã) per costruire un’abitazione all’insegna della sostenibilità, che utilizzi tecnologie innovative per risolvere i problemi quotidiani. Una piattaforma digitale interattiva ha permesso, in poco più di otto mesi, di raccogliere e condividere oltre 3.000 idee attraverso il web e i canali social. La casa sarà costruita entro il prossimo anno nella municipalità di Niterói, nello Stato di Rio de Janeiro. Alla seconda fase del progetto contribuirà anche Prátil, altra società brasiliana del gruppo Enel, specializzata nelle soluzioni tecnologiche smart in campo energetico.

Nel centro Addestramento Operativo di Enel Distribuzione a L’Aquila, in Italia, è stata allestita la prima smart kitchen, un’innovativa cucina dotata di tutte le più moderne tecnologie, con elettrodomestici che dialogano tra loro e un sistema che permette al cliente di gestirli da remoto. Elemento chiave della cucina intelligente è il dispositivo  Smart Info, sviluppato da Enel nell’ambito del progetto Energy@Home. Inserito in una presa elettrica di casa o dell’ambiente lavorativo, Smart Info registra i dati raccolti dal contatore elettronico, consentendo al cliente di conoscere in tempo reale la quantità di energia utilizzata, la potenza, la fascia tariffaria, l’andamento dei consumi e le previsioni future.

In Colombia la società di Enel Codensa ha invitato l’Università di Los Andes a formare un gruppo di studenti per partecipare al concorso Solar Decathlon, indetto dal governo degli Stati Uniti per sviluppare case efficienti alimentate con l’utilizzo dell’energia solare. Gli studenti colombiani hanno ideato +Huerto +Casa, un progetto per la costruzione di 120 abitazioni da 70 metri quadrati con materiali completamente sostenibili, a partire dall’energia a zero emissioni garantita dai pannelli solari. +Huerto +Casa è stato selezionato tra i 16 progetti finalisti, proposti da studenti e professori provenienti anche da Messico, Uruguay, Cile, Perù, Spagna, Panama, Stati Uniti, Inghilterra e Germania. Tutti i gruppi realizzeranno dei prototipi nella città di Calì (Colombia), tra i quali a dicembre verrà scelto quello che combinerà al meglio innovazione, capacità di contrastare il cambiamento climatico grazie alla conservazione delle risorse, e qualità della vita per gli abitanti. Il progetto vincente troverà poi una concreta applicazione con la costruzione, nella stessa Calì, di  un nuovo quartiere che prenderà il nome di Villa Solar.