#COP21: Enel Joins the “Science-Based Targets” Initiative

Pubblicato mercoledì, 16 dicembre 2015

Contenere il riscaldamento globale è possibile, ma per riuscirci è necessario mettere in atto rigorose politiche di riduzione delle emissioni climalteranti. Per questo 114 aziende in tutto il mondo hanno aderito all’iniziativa Science Based Targets, impegnandosi a fissare obiettivi di riduzione delle emissioni in linea con quanto ritenuto necessario dalla comunità scientifica per combattere il cambiamento climatico.

Il progetto è stato presentato nel corso dell’evento LPAA Business, organizzato dal Caring for Climate dell’UN Global Compact nell’ambito della conferenza di Parigi sul clima (COP21) conclusasi nei giorni scorsi. Nata dallo sforzo congiunto di Carbon Disclosure Project, World Resources Institute, WWF e UN Global Compact, Science Based Targets coinvolge le imprese responsabili di un quantitativo complessivo di CO2 pari a oltre 476.000.000 tonnellate all’anno, che equivalgono alle emissioni del Sud Africa o  del Messico. Sono già stati approvati gli obiettivi di dieci aziende - Enel, Coca-Cola Enterprises, Dell, General Mills, Kellogg, NRG Energy, Procter & Gamble, Sony e Thalys - che ridurranno complessivamente, entro il 2050, le loro emissioni operative di 799.000.000 tonnellate di CO2 e le loro emissioni indirette, attraverso le proprie catene di valore.

Enel si è impegnata a ridurre le proprie emissioni di CO2 per kWh del 25 per cento entro il 2020, prendendo come anno iniziale di riferimento il 2007. Un obiettivo che tiene conto della programmatadismissione di 23 centrali di generazione termoelettrica non più produttive in Italia, per un totale di 13 GW, e che rappresenta una tappa verso il traguardo di lungo periodo ovvero il raggiungimento della carbon neutrality entro il 2050.

“In qualità di azienda globale del settore energetico, il gruppo Enel è pronto a modificare le tradizionali attività di business e assumere un ruolo guida nel processo di trasformazione delle infrastrutture energetiche”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Enel Francesco Starace. “Coerentemente con il livello di decarbonizzazione richiesto per contenere il surriscaldamento globale, Enel conta di raggiungere la carbon neutrality entro il 2050. Per questo stiamo attuando politiche ambientali ambiziose ed efficienti, accelerando così la transizione verso un’economia più smart e alimentata da energia rinnovabile”.

La lista completa delle aziende partecipanti è disponibile sul portale dell’iniziativa.