Il Sudafrica corre verso il verde

Pubblicato martedì, 8 marzo 2016

Un’azienda può contribuire allo sviluppo di una comunità con un utilizzo razionale delle risorse, l’applicazione di soluzioni tecnologiche innovative e la promozione di eventi importanti che generano un indotto sul territorio. Per questo il gruppo Enel (che ha stabilito un piano per garantire la piena integrazione della sostenibilità in tutte le fasi del processo di lavoro) sostiene con convinzione, tra le altre, le manifestazioni sportive, che incarnano valori aziendali come l’impegno, la dedizione e la voglia di migliorarsi giorno dopo giorno. Il ciclismo, in particolare, si coniuga perfettamente con il grande sforzo che abbiamo messo in campo, da circa un decennio, per la promozione su larga scala della mobilità a zero emissioni. Non a caso abbiamo sponsorizzato i Campionati Mondiali di Ciclismo nel 2013 e siamo lo sponsor della maglia rosa del Giro d’Italia per i prossimi tre anni.

Il nostro amministratore delegato Francesco Starace ha preso parte a Città del Capo, in Sudafrica, alla 39esima edizione della Cape Town Cycle Tour, la più grande gara a tempo individuale del mondo che quest’anno ha coinvolto 35.000 corridori.  Un tracciato di 109 chilometri percorso nel pieno rispetto dell’ambiente in un Paese che attualmente ha una media di emissioni di CO2 tra le più alte al mondo, ma che ha predisposto un piano di sviluppo di energie rinnovabili che gli consentirà, entro il 2030, di essere tra i primi 15 Paesi al mondo per potenza “verde” installata.

Un impegno che, da leader mondiali del settore, ci vede in prima fila. Già oggi siamo il principale operatore di rinnovabili in Sudafrica. Nel 2014 abbiamo collegato alla rete elettrica il nostro primo campo fotovoltaico a Upington (provincia di Northern Cape) e oggi abbiamo in realizzazione 6 impianti di cui 4 solari e 2 eolici per un totale di 595 MW di capacità installata. A questi si aggiungono altri 6 progetti eolici che ci siamo aggiudicati nella quarta fase delle gare pubbliche promosse dal governo attraverso il Renewable Energy Independent Power Producer Procurement Programme.

Il nostro legame con il Sudafrica non si limita agli impianti di generazione. Abbiamo infatti fondato nel Paese una vera e propria scuola dell’energia verde, l’Enel Green Academy, dove offriamo corsi gratuiti e intensivi ai giovani locali, neodiplomati o in cerca della prima occupazione, per imparare a installare, gestire e manutenere pannelli solari.
Infine, abbiamo cominciato a proporre a famiglie e piccole imprese soluzioni innovative per l'indipendenza energetica e l'utilizzo sostenibile dell'elettricità in ambito domestico, integrando anche mini impianti fotovoltaici con sistemi domestici per l'accumulo di energia (http://www.enelenergy.co.za/). La rivoluzione verde è cominciata anche in Sudafrica, e siamo onorati di giocare un ruolo chiave nel sentiero a zero emissioni che molti Paesi in via di sviluppo nel continente africano stanno percorrendo con successo.