Grieco: “Grandi opportunità dal mercato russo”

Pubblicato martedì, 21 giugno 2016

In un’economia globale e di libero mercato come quella di oggi, il dialogo tra aziende e Governi è centrale per un corretto funzionamento del sistema. Il settore privato è infatti il principale attore di una serie di processi che interessano la collettività, a partire dalla decarbonizzazione. Per questo motivo, grandi aziende come Enel sono state invitate a partecipare a eventi come la COP21 (Conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico) a novembre 2015 e al recente Forum economico di San Pietroburgo, per discutere di rinnovabili, reti e quadro regolatorio.

Il Forum è il più importante evento economico organizzato in Russia, cui partecipano capi di Stato, ministri e rappresentanti di  aziende. Anche in questa edizione – la prima dopo le sanzioni economiche applicate da Unione Europea e Stati Uniti – è stata ribadita la centralità della Federazione russa nei processi di investimento globali.

In rappresentanza di Enel, la Presidente Patrizia Grieco ha partecipato a una colazione con il Presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi e il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ed è intervenuta nel panel “Investimenti e joint venture: qual è lo scenario attuale”, tenutosi nell’ambito del seminario dedicato ai rapporti economici bilaterali italo russi e al focus sul Made with Italy. Presenti al dibattito il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda , il vice primo ministro russo Arkady Dvorkovich e un parterre di amministratori delegati di aziende: Claudio Descalzi (ENI), Mauro Moretti (Leonardo-Finmeccanica), Sergey Chemezov (Rostec), Marco Tronchetti Provera (Pirelli), Guido Barilla (Barilla), oltre al presidente di Conoscere Eurasia Antonio Fallico, al presidente Eurochem Andrey Melnichenko, al presidente dell'Unione degli industriali russi Alexander Shokhin e a Luigi Scordamaglia, AD di Inalca-Cremonini e presidente Federalimentare.

“Enel è presente in Russia dal 2004. Siamo qui con un'importante attività di vendita (insieme al nostro partner Esn) e di generazione, e operiamo in questo Paese quasi 10 GW. Siamo attenti allo sviluppo del quadro regolatorio sia nelle rinnovabili che nelle reti”, ha sottolineato Patrizia Grieco in occasione della tavola rotonda. “Non c’è solo il solare, c’é anche l'eolico, la geotermia e tante forme di rinnovabili che possono essere sviluppate a patto che vi sia un quadro regolatorio attraente. Guardiamo, inoltre, con attenzione alla privatizzazione del settore della distribuzione e alle modifiche regolatorie in tal senso”. La Presidente ha confermato l’Interesse dell’azienda per il mercato russo, soprattutto nel settore delle rinnovabili, dicendosi soddisfatta del price floor ma ribadendo alle autorità locali la necessità di miglioramenti nel quadro regolatorio.