Race to change, una corsa per l’ambiente

Pubblicato martedì, 7 maggio 2019

Non chiedetevi cosa faccia la Terra per voi, ma cosa voi potete fare per la Terra. Parafrasando John Fitzgerald Kennedy, ognuno di noi può offrire il proprio contributo per un futuro più sostenibile, a partire dai piccoli comportamenti nella vita di tutti i giorni.

Con questo obiettivo abbiamo lanciato la piattaforma online Race to change: una corsa aperta a tutti nella quale i partecipanti si impegnavano a ridurre la propria impronta ecologica attraverso scelte più sostenibili negli spostamenti quotidiani.

Ognuno ha potuto scegliere la modalità più vicina alla propria sensibilità: muoversi a piedi o in bicicletta anziché in auto, scegliere i mezzi pubblici o il car sharing, oppure guidare un’auto elettrica, o ancora prendere il treno invece dell’aereo. L’importante era scegliere una soluzione che evitasse o riducesse le emissioni di gas serra. Si poteva partecipare anche più volte: l’unico vincolo era mantenere l’impegno preso.

La piattaforma è stata lanciata il 13 aprile in occasione della tappa romana del campionato mondiale ABB Fia Formula E, di cui Enel è Official Power Partner e, con Enel X, Official Smart Charging Partner: come in una staffetta, una corsa in nome della sostenibilità ha innescato l’altra. Altrettanto simbolica la data di chiusura dell’iniziativa: il 22 aprile, la Giornata della Terra. 

I primi 2840 partecipanti (uno per ogni metro di lunghezza del circuito dell’E-Prix) hanno ricevuto una ricompensa speciale: per ognuno di loro Enel ha piantato un albero, grazie alla collaborazione con Treedom, la prima piattaforma web al mondo che permette di “adottare” un albero a distanza e seguirne la crescita online.

Alla fine il risultato è andato oltre le aspettative: non solo la cifra degli alberi programmati è stata superata in anticipo, ma il totale ha raggiunto i 3939 iscritti, il 138% del previsto.

Tutti i partecipanti, inoltre, hanno ricevuto un attestato realizzato dall’illustratore milanese Francesco Poroli, uno dei più importanti disegnatori italiani: premiato dalla Society of Illustrators New York e dalla Society of Publication Designers, pubblica su testate come The New York Times, Wired e GQ. Ogni certificato è stato inviati per email, per consentire a ognuno di condividerlo sui social network e moltiplicare l’impatto della propria scelta a favore dell’ambiente. E la Terra ringrazia.