Endesa, la tecnologia al servizio dell'ambiente

Pubblicato giovedì, 23 aprile 2015

Calcolare la propria “impronta” ambientale e lavorare per ridurne gli effetti è un elemento fondamentale per operare in maniera responsabile e nel segno della sostenibilità. Il gruppo Enel è da sempre attento a queste tematiche, in alcuni casi anticipando la legislazione.


È il caso di Endesa, che ha elaborato uno strumento innovativo per la valutazione qualitativa e quantitativa della "pressione" esercitata sull'ambiente dalle sue attività. La società di Enel (come avvenuto per l'impronta di carbonio) ha preceduto la regolamentazione della materia, facilitando la gestione dal punto di vista ambientale di tutti gli aspetti del business.

Lo strumento è stato realizzato utilizzando i più importanti benchmark internazionali esistenti, in particolare le recenti linee guida sviluppate dall'Unione Europea per il calcolo dell'impronta ambientale delle organizzazioni e dei prodotti. Il suo campo di applicazione comprende tutte le attività di Endesa: generazione, distribuzione, gestione di miniere e terminal portuali, attività nei punti vendita e negli uffici situati in Spagna, Portogallo e Marocco.

L'approccio metodologico adottato per il calcolo si basa sull'analisi del ciclo di vita, il che significa che sarà possibile quantificare non solo gli effetti diretti sull'ambiente generati dalle attività di Endesa, ma anche quelli indiretti.
Il nuovo indicatore consente di integrare nella strategia di business tutte le componenti ambientali, come le sub-impronte relative ad atmosfera, acqua, consumo di risorse, rifiuti, emissioni sonore, flora e fauna. Endesa già possiede la certificazione Carbon Footprint rilasciata dall'Associazione spagnola per la standardizzazione e la certificazione (AENOR) e ha iniziato a lavorare nel campo della gestione delle risorse idriche.

Con questo strumento la società del gruppo Enel si pone l'obiettivo di ottimizzare i processi, analizzare l'evoluzione delle prestazioni e confrontare, secondo criteri omogenei, i vari rami del business e le diverse tecnologie, con l'obiettivo di valutare tutti i possibili rischi ambientali e operare per prevenirli.