Endesa, tecnologie da record per una rete sempre più efficiente

Pubblicato martedì, 22 settembre 2015

Per mantenere una posizione di leader, o semplicemente per sopravvivere nel mercato globale di oggi, le aziende di ogni tipo e dimensione sono costrette a innovare. Il gruppo Enel ha sposato questa filosofia da anni, perseguendo lo sviluppo di tecnologie di ultima generazione in tutti i mercati energetici. Endesa, controllata spagnola del Gruppo, ha di recente messo a segno un primato mettendo in esercizio il più grande trasformatore ad alta tensione ’a secco’ operativo nel mondo.

Con una potenza di 31.500 kVA e 72.5 di kV voltaggio, il trasformatore installato nella cabina primaria di Arjona (Siviglia, in Spagna) è basato sulla tecnologia dry, che rende non necessari i quasi 18.000 litri di olio dielettrico normalmente utilizzati per raffreddare i trasformatori convenzionali. Il prototipo utilizza come sistema isolante una resina epossidica con particelle di quarzo che, in caso di surriscaldamento, assorbono il calore prevenendo la possibilità di combustione.

La dry technology semplifica il processo di manutenzione, migliora la qualità del servizio elettrico e riduce anche l’impatto ambientale derivato dalle perdite di olio. Il trasformatore installato da Endesa alimenta circa 5.000 utenze e vanta una potenza circa dieci volte superiore a quella dei trasformatori a secco sinora installati nel mondo.

Gli esemplari di questo tipo, particolarmente adatti all’utilizzo in centri urbani e locali chiusi, sono in grado di funzionare alla temperatura di 165 gradi centigradi (rispetto ai 100°C dei modelli tradizionali) e durano dai 20 ai 40 anni in più rispetto alla vita media dei trasformatori convenzionali. Endesa prevede di installare nel prossimo futuro tre nuove unità di ultima generazione, tra cui una nella cabina primaria di Osario (Siviglia) che verrà inaugurata a breve.

Con i nuovi trasformatori la società di Enel prosegue nel solco dell’innovazione che le ha permesso di installare a Malaga, nell’ambito del progetto Zem2All, 23 punti di ricarica per e-car creando la più grande rete di Fast Recharge d’Europa, mentre nei giorni scorsi ha lanciato la prima edizione del concorso Las ideas se mueven, nel quale i giovani più talentuosi delle università della Catalogna potranno proporre idee innovative nel settore della green technology per vincere una borsa di studio da 3.000 euro.