Il contatore intelligente arriva in Romania

Pubblicato mercoledì, 2 dicembre 2015

Nel 2001 il concetto di “smartphone” era presente soltanto in qualche rivista scientifica e il processo di digitalizzazione delle attività industriali era appena agli albori. In quel periodo Enel ha messo a segno un primato mondiale con la progettazione e la diffusione su larga scala, in Italia, dei primi contatori elettronici. Ora la multinazionale elettrica vanta oltre 32 milioni di esemplari in funzione in Italia, un programma per l’installazione di 13 milioni di dispositivi in Spagna già a buon punto con oltre 5 milioni di apparati già attivi, oltre 1 milione forniti ad altre utilities europee e numerosi progetti pilota in tutto il mondo. Tra questi, l’installazione di oltre 30.000 smart meter in Romania, all’interno di un più ampio piano di investimenti per la digitalizzazione delle infrastrutture elettriche del Paese.

“Abbiamo completato l’installazione in meno di due mesi. I primi dati sul funzionamento dei contatori sono molto incoraggianti” sottolinea Giuseppe Fanizzi, direttore generale di Enel Distributie Romania. “I clienti sono soddisfatti e stiamo facendo tesoro delle loro segnalazioni per gli sviluppi futuri dell’iniziativa. Enel ha infatti presentato un progetto che prevede l’installazione, nei prossimi cinque anni, di 2,7 milioni di esemplari, uno per ognuno dei nostri clienti nel Paese”. Il contatore intelligente permette alla società elettrica di intervenire da remoto, senza necessità di inviare tecnici sul posto, rispondendo più rapidamente alle richieste del consumatore. In un mercato liberalizzato come quello romeno (in cui Enel è il maggiore investitore nelle reti di distribuzione), grazie allo smart meter è possibile effettuare il passaggio da un operatore di vendita all’altro in poche ore, mentre il contatore tradizionale richiedeva circa un mese. Grazie a informazioni aggiornate in tempo reale il cliente avrà la possibilità di aumentare la consapevolezza dei propri consumi, utilizzando l’elettricità in maniera intelligente e scegliendo le tariffe orarie più convenienti.

Lo smart meter era stato presentato in anteprima ai cittadini romeni nell’ambito dell’esposizione Meter Museum, una mostra sulla storia dei contatori e sull'evoluzione che questo dispositivo ha avuto fino ai giorni nostri, allestita da Enel Romania nella Galleria Galateca di Bucarest. I visitatori hanno potuto rivivere l'atmosfera culturale dei diversi decenni, attraverso oggetti, illustrazioni e giornali dell'epoca che facevano da cornice ai diversi esemplari in mostra.

L’installazione massiva dei contatori elettronici rientra in un vasto programma lanciato da Enel Romania per innalzare ulteriormente gli standard del servizio ai clienti, basato su tecnologie di ultima generazione. In particolare, Enel è stata la prima compagnia elettrica a introdurre in Romania la bolletta elettronica, un’app di customer care per smartphone e tablet e la card My Enel, che consente di pagare i propri consumi elettrici presso tutti i “kiosk” dedicati al contatto con i clienti, senza necessità della bolletta cartacea.