Enel riceve finanziamenti per 2,1 milioni di dollari per lo sviluppo dell’Energy Storage negli USA

Published on venerdì, 8 dicembre 2017

Due progetti sviluppati da Enel hanno ricevuto finanziamenti per 2,1 milioni di dollari USA dal Massachusetts Clean Energy Center a sostegno del crescente mercato locale dell’accumulo energetico

I progetti includono una microgrid “behind-the-meter” (dietro il contatore) da installare presso la University of Massachusetts Boston e un sistema di accumulo a batteria presso l’Acton Boxborough Regional School District

Si tratta dei primi progetti di microgrid e di accumulo “stand-alone” sviluppati da Enel nel Massachusetts, lo stato che ospita la sede del Gruppo per il Nord America

Entrambi i progetti utilizzeranno il software DEN.OSTM per ottimizzare i vantaggi che offrono nelle loro diverse applicazioni, con benefici in termini di servizi di rete e di risparmio

Roma, 8 dicembre 2017 – Enel S.p.A. (“Enel”) ha annunciato oggi che due suoi progetti di energia distribuita sono stati selezionati per ricevere finanziamenti per un totale di 2,1 milioni di dollari USA nel quadro del programma Advancing Commonwealth Energy Storage (“ACES”) gestito dall’agenzia statale Massachusetts Clean Energy Center (“MassCEC”). Si tratta dei primi progetti di energia distribuita di Enel in Massachusetts, stato che ospita la sede del Gruppo in Nord America, e consistono in una microgrid “behind-the-meter” (dietro il contatore) e un sistema di accumulo di energia a batteria.

I finanziamenti, erogati nell’ambito dell’Energy Storage Initiative del Massachusetts, sono finalizzati a promuovere una maggiore commercializzazione e utilizzo di tecnologie per lo storage nel Massachusetts.

“Siamo felici di collaborare con il Commonwealth del Massachusetts e i nostri partner di progetto per sperimentare in che modo lo storage possa fornire valore di lungo termine alle utility e alle comunità locali”, ha commentato Francesco Venturini, responsabile Enel X. “La convergenza fra energia rinnovabile, risorse energetiche distribuite e servizi per la gestione della domanda rappresenta un’importante opportunità per fornire servizi di valore alla rete e riducendo i costi energetici complessivi. Questi due finanziamenti testimoniano l’approccio lungimirante, sia in termini di tecnologia che di business model, che Enel con i suoi partner di progetto ha assunto, per creare valore per i clienti e il sistema energetico nel suo complesso”.

La controllata per le rinnovabili statunitense del Gruppo, Enel Green Power North America, Inc. (“EGPNA”), ha avviato una collaborazione con la University of Massachusetts Boston (“UMass Boston”) su una proposta di progetto per una microgrid “behind-the-meter” che si è aggiudicata un finanziamento di 850.000 dollari USA. Il progetto comprende un sistema di accumulo agli ioni di litio da 0,5 MW/1,82 MWh integrato con un sistema solare fotovoltaico da 0,5 MW da installare presso il campus universitario a Boston.

La controllata statunitense di Enel EnerNOC si è aggiudicata 1,25 milioni di dollari USA, il massimo finanziamento concesso nell’ambito del programma ACES, per lo sviluppo di un sistema di accumulo di energia agli ioni di litio da 2 MW/4 MWh presso l’Acton Boxborough Regional School District (ABRSD).

Entrambi i progetti combinano sistemi “behind-the-meter” di gestione dei consumi (demand charge) con applicazioni “in front of the meter” per la gestione di risposta alla domanda (demand response), creando molteplici flussi di ricavi per tutte le parti coinvolte e generando benefici per la rete in termini di affidabilità e bilanciamento.

I due progetti verranno gestiti attraverso il software DEN.OSTM sviluppato dalla controllata statunitense di Enel Demand Energy Networks, ottimizzando i benefici che offrono nelle loro diverse applicazioni, come la gestione della domanda e dei picchi di consumo, e garantendo risparmi significativi in bolletta. Allo stesso tempo, il software garantirà una maggiore resilienza e stabilizzazione della rete permettendo l’inclusione dei progetti nei mercati delle capacità, dell’energia e dei servizi ausiliari dell’operatore regionale ISO New England.

Inoltre, i due progetti saranno dei laboratori viventi offrendo una serie di opportunità educative, come attività dimostrative e tour didattici, sia per la UMass Boston che per la ABRSD.

I progetti sono in linea con la crescente attenzione di Enel nell’offrire ai clienti servizi di flessibilità fra cui soluzioni di demand response, accumulo di energia e microgrid. Inoltre, rafforzano la capacità di storage di Enel negli Stati Uniti e supportano i primi passi dell’azienda nella crescente mercato dell’accumulo energetico del Massachusetts, il cui obiettivo è di aggiungere 200 MWh di capacità di accumulo entro il 2020.

Enel

Enel è una impresa elettrica multinazionale e un leader integrato nei mercati globali di energia, gas e rinnovabili. Enel è la più grande utility europea in termini di capitalizzazione di mercato e figura tra le principali società energetiche europee in termini di capacità installata ed EBITDA reported. Il Gruppo Enel opera in oltre 30 paesi, e produce energia grazie a una capacità gestita di oltre 86 GW. Enel distribuisce energia elettrica e gas attraverso una rete di oltre 2 milioni di chilometri e, con oltre 65 milioni di clienti commerciali e domestici in tutto il mondo, ha la più ampia base di clienti tra i concorrenti europei. La società per le rinnovabili del Gruppo, Enel Green Power, gestisce circa 40 GW di impianti eolici, solari, geotermici, a biomassa ed idroelettrici in Europa, America, Asia, Africa e Australia.

Enel attraverso EGPNA è proprietario e gestore leader di impianti di energia rinnovabile in Nord America, con progetti operativi e in via di sviluppo in 23 stati USA e due province canadesi. EGPNA gestisce oltre 100 impianti con una capacità gestita superiore a 3,6 GW, prodotta da fonti idroelettrica, eolica, geotermica e solare. Nel gennaio 2017 Enel, attraverso EGPNA, ha acquisito Demand Energy Networks, azienda statunitense specializzata in software intelligenti e sistemi di storage, mentre in agosto ha completato l’acquisizione di EnerNOC, fornitore leader di soluzioni di demand response ed energy management per utility, aziende, clienti istituzionali e industriali. Infine, in ottobre, attraverso EnerNOC, ha acquisito la californiana eMotorWerks, fornitore leader sul mercato nordamericano di stazioni di ricarica per veicoli elettrici JuiceBox e proprietario e gestore di JuiceNet, piattaforma di Internet of Things (IoT) per la gestione smart di sistemi di ricarica per auto elettriche e altri servizi di storage per l’energia distribuita.

Generale | dicembre, 08 2017

1671864-2_PDF-1.pdf

PDF (0.1MB)DOWNLOAD