Apprendistato in alternanza scuola lavoro: Enel premiata con l’EAFA Award

Published on giovedì, 21 giugno 2018

Aziende e istituzioni a confronto a Roma sulle best practice europee per accorciare le distanze tra percorso scolastico e inserimento professionale

 

Roma, 21 giugno 2018 – Il “modello Enel” di apprendistato in alternanza scuola lavoro si conferma protagonista a livello europeo. L’azienda energetica ha ospitato oggi a Roma il convegno internazionale “Apprenticeships: from school to work – the italian case”, organizzato dall'European Alliance for Apprenticeship (EAFA), il network di tutti gli stakeholder impegnati a valorizzare la formazione duale, in collaborazione con la Commissione Europea, che ha messo a confronto le best practice adottate per accorciare le distanze tra percorso scolastico e inserimento professionale.

La stessa EAFA ha premiato il programma di Enel come 'Migliore esperienza europea di apprendistato di qualità', con l’EAFA Award 2017 for large companies.  

Avviato nel 2014, l’Apprendistato in Alternanza scuola lavoro di Enel ha portato all’inserimento in azienda di circa 300 studenti che, dopo un percorso di “training on the job”, sono destinati a diventare tecnici della rete elettrica. Il programma di apprendistato scuola-lavoro consente in questo modo di anticipare l’acquisizione di conoscenze tecniche e capacità trasversali essenziali per il lavoro in azienda, di velocizzare l’iter di professionalizzazione e di creare un circolo virtuoso tra mondo della scuola e mondo del lavoro.

Sedici le scuole coinvolte fino ad ora in tutta Italia, per un percorso destinato ad evolversi ulteriormente nei prossimi mesi: Enel ha annunciato l’adesione ad un programma sperimentale di Apprendistato «digitale», in collaborazione con il Politecnico di Torino, da avviare nell’anno scolastico 2018-2019, e l’adesione al Programma ErasmusPlus 2018, con l’individuazione di 10 apprendisti Enel inseriti nel network di Uniser – agenzia specializzata in mobilità formativa.

Il convegno di oggi ha visto la partecipazione di rappresentanti istituzionali nazionali ed europei ed ha messo a confronto le esperienze di aziende come Eni, Dallara, Allianz, Siemens, Bmw, Nestlé Italia, per analizzare le best practice italiane e quelle degli altri Stati europei, con un focus sul ruolo dell'apprendista che ha coinvolto realtà come LDDK, OAED, EVN Macedonia e Tibacex.

La piattaforma EAFA, che coinvolge 236 realtà, tra cui Enel dal 2016, è stata lanciata nel 2013 grazie alla dichiarazione congiunta tra i social partner Europei (ETUC, BusinessEurope, UEAPME e CEEP), la Commissione europea e la Presidenza del Consiglio dell'UE, con l'obiettivo di valorizzare l'utilità e l'importanza dell'apprendistato, rafforzandone la qualità, l'immagine e la mobilità. L'iniziativa, tra le altre cose, promuove e supporta l'occupazione giovanile, riducendo la disparità tra domanda e offerta nelle competenze specifiche richieste dal mercato del lavoro.