Enel entra nella lista dei contribuenti italiani in ‘cooperative compliance’

Published on martedì, 7 agosto 2018 12:49

·         Il regime di adempimento collaborativo ha l’obiettivo di instaurare un rapporto di fiducia tra Fisco e contribuente per aumentare il livello di certezza sulle questioni fiscali rilevanti, attraverso un’interlocuzione costante e preventiva

·         L’ammissione al regime si fonda sul possesso da parte dell’azienda di un adeguato sistema di controllo dei rischi fiscali, in linea con la migliore prassi internazionale

Roma, 7 agosto 2018 Il Gruppo Enel aderisce al regime fiscale di adempimento collaborativo e lo fa con la Capogruppo Enel S.p.A. e la sua principale controllata italiana, E-Distribuzione S.p.A., società che opera nel mercato regolato della distribuzione e misura di energia elettrica.

Il regime di adempimento collaborativo o “cooperative compliance” ha come principale obiettivo quello di instaurare un rapporto di fiducia e trasparenza tra Amministrazione Finanziaria italiana e contribuente per aumentare il livello di certezza sulle questioni fiscali rilevanti. In particolare, la collaborazione si esplica attraverso un’interlocuzione costante e preventiva finalizzata a una comune valutazione delle situazioni suscettibili di generare rischi fiscali. L’ammissione del Gruppo Enel è l’atto conclusivo di un’attività istruttoria condotta dall’Agenzia delle Entrate a partire dalla presentazione dell’istanza di adesione, nel dicembre 2017. L’ammissione al regime si fonda sul possesso da parte dell’azienda di un adeguato sistema di rilevazione, gestione e controllo dei rischi fiscali, integrato all’interno di un più ampio sistema di controllo interno, in linea con la migliore prassi internazionale.

 “La trasparenza e la legalità, valori distintivi di Enel, trovano un’ulteriore, concreta, manifestazione in questa innovativa forma di collaborazione con l’Amministrazione Fiscale” – ha dichiarato Patrizia Grieco, Presidente di Enel – “Il Gruppo, in linea con la propria strategia di sostenibilità, agisce da sempre con onestà e integrità, nella consapevolezza che il gettito derivante dai tributi costituisce un’importante fonte di contribuzione allo sviluppo economico e sociale dei Paesi in cui opera”.

Come previsto dalla norma, con il provvedimento di ammissione notificato dall’Agenzia delle Entrate viene disposta l'iscrizione di Enel e di E-Distribuzione nell’elenco delle società che agiscono in piena trasparenza con l'Autorità fiscale italiana, pubblicato sul sito istituzionale dell'Agenzia stessa.

Enel S.p.A. procede alla diffusione al pubblico delle informazioni regolamentate mediante l’utilizzo dello SDIR NIS, gestito da BIt Market Services, società del Gruppo London Stock Exchange, avente sede in Piazza degli Affari n. 6, Milano. Enel S.p.A. per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, ha aderito, a far data dal 1° luglio 2015, al meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “eMarket Storage, consultabile all’indirizzo www.emarketstorage.com, gestito dalla suindicata BIt Market Services S.p.A. e autorizzato dalla Consob con delibera n. 19067 del 19 novembre 2014. Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015 Enel S.p.A. si è avvalsa al meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Compurteshare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.