Enel completa rifinanziamento di obbligazioni ibride

Published on mercoledì, 22 maggio 2019 18:10

  • Acquisiti 340,2 milioni di euro di un bond ibrido con scadenza 2075 e 215,8 milioni di euro di un bond ibrido con scadenza 2074, tramite l’incremento del bond ibrido emesso lo scorso 15 maggio con scadenza 2080 da 300 milioni di euro a 900 milioni di euro
  • L’Exchange Offer consente quindi ai detentori dei bond ibridi con scadenza 2075 e 2074 di cederli prima delle date di rimborso antiticipato, o call date, che si verificheranno, rispettivamente, nel  2020 e nel 2024, in cambio dei nuovi bond ibridi il cui first call period è previsto nel 2025
  • L’operazione di Exchange Offer è in linea con il Piano Strategico 2019-2021 di Enel, che prevede il rifinanziamento di 13,6 miliardi di euro al 2021 anche attraverso l’emissione di prestiti obbligazionari ibridi

 

Roma, 22 maggio 2019 Enel S.p.A. (“Enel” o la “Società”)[1] ha completato il rifinanziamento di parte del portafoglio di obbligazioni non convertibili subordinate ibride tramite un’offerta di scambio volontaria non vincolante (“Exchange Offer”) per il riacquisto dei bond ibridi con scadenza 15 gennaio 2075 e 10 gennaio 2074. Con la conclusione dell’Exchange Offer, promossa da Enel dal 15 maggio 2019 al 21 maggio 2019, la Società ha acquistato un ammontare complessivo pari a:

·                     340,2 milioni di euro dell’obbligazione ibrida con importo nominale ancora in circolazione di 749.981.000 di euro, emessa dalla stessa Enel, con scadenza 15 gennaio 2075 (XS1014997073) e prima data di rimborso anticipato il 15 gennaio 2020;

·                     215,8 milioni di euro dell’obbligazione ibrida con importo nominale ancora in circolazione di 513.256.000 di euro, emessa dalla stessa Enel, con scadenza 10 gennaio 2074 (XS0954675129) e prossima data di rimborso anticipato il 10 gennaio 2024.

Il corrispettivo di tali acquisti sarà costituito da un incremento, da un ammontare di 300 milioni di euro a 900 milioni di euro, della nuova obbligazione ibrida denominata “NC6” (XS2000719992), lanciata il 15 maggio 2019, con scadenza 24 maggio 2080 e il cui first call period[2] termina il 24 maggio 2025. La Società ha quindi esercitato il diritto previsto dai termini e condizioni dell’Exchange Offer di aumentare l’ammontare nominale aggregato dell’emissione delle nuove obbligazioni ibride originariamente stabilito in 750 milioni di euro.

L’Exchange Offer consente quindi ai detentori delle obbligazioni ibride con scadenza 15 gennaio 2075 e 10 gennaio 2074 di cedere le stesse prima delle call date, rispettivamente il 15 gennaio 2020 e il 10 gennaio 2024, in cambio di nuove obbligazioni ibride con first call period con scadenza successiva (il 24 maggio 2025) emesse tramite l’incremento dell’emissione “NC6”.

L’operazione è finalizzata alla gestione attiva delle scadenze e del costo del debito del Gruppo Enel, nell’ambito di un programma di complessiva ottimizzazione della gestione finanziaria, in linea con il Piano Strategico 2019-2021, che prevede il rifinanziamento di 13,6 miliardi di euro al 2021 anche attraverso l’emissione di prestiti obbligazionari ibridi.

La tabella seguente indica, ove rilevante per ciascuno dei bond ibridi con scadenza 2075 e 2074 (i) l’importo accettato per l’acquisto da parte di Enel, (ii) il rapporto di scambio, (iii) il Pro-Ration Factor, (iv) gli interessi maturati (v) l’importo nominale di obbligazioni in circolazione dopo la data di regolamento, (vi) l’importo nominale complessivo delle nuove obbligazioni attribuite in scambio, (vii) il tasso di interesse interpolato, (viii) l’Exchange Yield, (ix) il prezzo di scambio e (x) l’Exchange Spread.

Si prevede che il regolamento dell’operazione, comprensiva dell’emissione delle nuove obbligazioni ibride avvenga in data 24 maggio 2019.

Per la realizzazione dell’operazione sopra descritta Enel si è avvalsa di un sindacato di banche nell’ambito del quale hanno agito, in qualità di Joint Bookrunners, Banca IMI, Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, Banco Santander, Barclays, BNP Paribas, Citigroup, Deutsche Bank, Goldman Sachs, HSBC Bank, J.P. Morgan, MUFG, NatWest Markets e UniCredit.

 

[1] Issuer Rating: BBB+ per S&P’s, Baa2 per Moody’s, A- per Fitch.

[2]   Il first call period inizia il 24 febbraio 2025 e termina il 24 maggio 2025. In qualsiasi data nel corso di tale periodo, Enel può rimborsare anticipatamente il nuovo bond ibrido.

3   Coupon attualmente applicabile a seguito del reset verificatosi il 10 gennaio 2019.

Price Sensitive | maggio, 22 2019

Enel completa rifinanziamento di obbligazioni ibride

PDF (0.18MB)DOWNLOAD

Enel S.p.A. procede alla diffusione al pubblico delle informazioni regolamentate mediante l’utilizzo dello SDIR NIS, gestito da BIt Market Services, società del Gruppo London Stock Exchange, avente sede in Piazza degli Affari n. 6, Milano. Enel S.p.A. per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, ha aderito, a far data dal 1° luglio 2015, al meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “eMarket Storage, consultabile all’indirizzo www.emarketstorage.com, gestito dalla suindicata BIt Market Services S.p.A. e autorizzato dalla Consob con delibera n. 19067 del 19 novembre 2014. Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015 Enel S.p.A. si è avvalsa al meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Compurteshare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.