ALLEANZA ENEL-IBM PER OFFRIRE IN TUTTO IL MONDO IL CONTATORE ELETTRONICO

Published on giovedì, 18 marzo 2004

Il sistema di misurazione, telegestione e telelettura dei consumi elettrici sviluppato da Enel è il primo al mondo sperimentato su così larga scala: è già installato presso 15 milioni di clienti in Italia.

 

Roma, 18 marzo 2004 – Enel e IBM hanno annunciato oggi che le due società hanno stretto un’alleanza per offrire, alle utilities di tutto il mondo, il sistema integrato di Enel per la misurazione, gestione e lettura a distanza dei consumi di elettricità.

L’accordo unisce l’eccellenza di IBM nella diffusione a livello globale di sistemi informativi integrati e di servizi per l’innovazione del business, alla consolidata esperienza di Enel nel campo della distribuzione di energia elettrica, che comprende l’applicazione di un avanzato sistema hardware e software per la gestione dei dati sui consumi di energia. Enel ed IBM stimano che il potenziale di mercato per la diffusione a livello mondiale di questa innovativa soluzione abbia un valore di oltre 120 miliardi di euro.

Il sistema sviluppato da Enel permette alle utilities di incrementare l’efficienza e la qualità dei servizi per il cliente. Grazie, infatti, alla telelettura dei consumi e alla gestione da remoto della clientela, le utilities che adotteranno il sistema Enel, potranno ottenere una notevole riduzione degli errori di misurazione e dei tempi di intervento e potranno offrire ai clienti tariffe diversificate che incentivino l’uso dell’elettricità lontano dalle ore di punta.

Il sistema Enel è oggi l’unico installato e funzionante su larga scala. Attualmente, Enel ha sostituito in Italia circa 15 milioni di contatori elettromeccanici con i contatori elettronici, di cui buona parte è già connessa alla propria rete informatica. La sostituzione del contatore presso tutti i suoi 30 milioni di clienti italiani sarà completata entro il 2005.

Paolo Scaroni, amministratore delegato di Enel, ha così commentato: “L’accordo raggiunto oggi è per noi motivo di orgoglio perché conferma Enel come protagonista dell’innovazione tecnologica nel settore elettrico. L’installazione del telegestore sta producendo significativi risparmi e incrementi di efficienza. Enel sta investendo nel telegestore circa 2 miliardi di Euro, compresi i costi di ricerca, di sviluppo e di implementazione del progetto, che si ripagheranno nell’arco di 4 anni. E questo senza considerare i futuri sviluppi all’estero. L’alleanza con IBM porterà ulteriori benefici economici per Enel e conferma la validità della nostra idea strategica di usare le tecnologie più avanzate per potenziare le nostre infrastrutture e creare valore”.

“In tutto il mondo, la IBM lavora a fianco delle utility per integrare tecnologie e processi innovativi, in grado di migliorare costi, affidabilità e servizio ai clienti,” ha dichiarato Elio Catania, Presidente e Amministratore delegato della IBM Italia. “Per molte di queste società, soluzioni come quella dell’Enel rappresentano un primo passo per diventare ‘on demand’, cioè capaci di utilizzare le informazioni sull’uso dell’energia e sulla rete per prendere decisioni più efficaci e tempestive. Attraverso questa alleanza potremo accelerare questo sviluppo, consentendo alle utility di ottenere rapidamente i vantaggi che Enel ha già sperimentato.”Elio Catania, presidente e amministratore delegato di IBM Italia ha detto: “IBM sta lavorando con utilities e partner in tutto il mondo per aiutarli a migliorare la redditività, contenendo i costi operativi, e a potenziare i servizi al cliente attraverso l’innovazione di tecnologie e modelli di business. Per buona parte delle utilities, la soluzione del telegestore, come quella messa a punto da Enel, è un importante passo per diventare un fornitore “su misura” del cliente: l’informazione in tempo reale sull’uso dell’energia elettrica e le condizioni di impiego della rete e degli asset connessi vengono usate per migliorare la capacità di decisione. Questa alleanza permette a IBM di aiutare le utilities a trarre un immediato beneficio dall’esperienza di Enel”.

IBM progetta e commercializza un’estesa gamma di tecnologie e prodotti; inoltre  fornisce servizi per ogni tipo di esigenze: dalla consulenza alla integrazione dei sistemi, ai servizi sistemistici, alla formazione, all'outsourcing.
IBM e' presente in 170 paesi e occupa più di 319 mila persone.
Il quartier generale negli Stati Uniti è ad Armonk, nello stato di New York.
Nel 2002, ha realizzato un fatturato di 81,2 miliardi di dollari e un utile netto di 3,6 miliardi di dollari. Questi risultati sono anche frutto dell’impegno nella ricerca e nello sviluppo di nuove tecnologie: nel 2002, per il decimo anno consecutivo, IBM e' risultata prima  per numero di brevetti e ha confermato un investimento di  5 miliardi di dollari in attività di Ricerca.

Enel è una delle maggiori utility del mondo. E’ attiva nella produzione e distribuzione e vendita di elettricità e gas naturale. In Italia è il principale operatore nel settore elettrico con 45.000 MW di capacità produttiva e 30 milioni di clienti; nel gas fornisce 1.850.000 clienti. Nel 2003, ha fatturato circa 31 miliardi di euro. E’ presente in Spagna nella produzione, distribuzione e vendita di energia elettrica con Viesgo (2.400 MW) e con Enel Union Fenosa Renovables, joint venture che opera nell’energia da fonti rinnovabili. In questo campo, Enel è presente anche nel continente americano con Enel North America e Enel America Latina. Con 17.000 MW di impianti che utilizzano fonti rinnovabili (idrico, geotermico, eolico, solare e biomasse) è uno dei leader mondiali del settore.

Price Sensitive | marzo, 18 2004

824550-1_PDF-1.pdf

PDF (0.13MB)DOWNLOAD