ENEL RISPONDE ALLE DOMANDE DELLA AUTORITA DI VIGILANZA SPAGNOLA SUI MERCATI MOBILIARI (CNMV) IN MERITO ALL ACQUISIZIONE DEL 9,99% DEL CAPITALE DI ENDESA

Published on mercoledì, 28 febbraio 2007

Roma, 28 febbraio 2007 - In riferimento alle richieste pervenute dalla Comision Nacional del Mercado de Valores spagnola (CNMV) in relazione all’acquisizione da parte di Enel di una partecipazione del 9,99% del capitale di Endesa, Enel ha fornito le seguenti  risposte.

1) Enel ha deciso di acquistare le azioni di Endesa con delibera del Consiglio di Amministrazione della Capogruppo che si è riunito nel pomeriggio di ieri, 27 febbraio.

Le azioni di Endesa sono state poi in concreto acquistate da un istituto bancario (UBS) dall’Enel incaricato a tale scopo. L’ordine di acquisto a tale istituto è stato trasmesso subito dopo il Consiglio di Amministrazione e l’UBS  ha provveduto all’acquisto di 105.800.000 azioni di Endesa dalle ore 18.26 fino alle ore 18.55, al prezzo di 39 euro per azione.

Si precisa che, in esecuzione di quanto deliberato dallo stesso Consiglio di Amministrazione dell’Enel, l’acquisizione della partecipazione è poi stata perfezionata in data odierna in capo alla società Enel Energy Europe S.r.l., interamente controllata dall’Enel medesima.

2) L’Enel non ha finora stipulato alcun contratto di derivati, futures, equity swap o altro strumento finanziario il cui sottostante siano le azioni di Endesa, ma non esclude di effettuarlo in futuro.

3) Come già riportato nell’informazione rilevante trasmessa oggi alla CNMV, l’Enel non esclude l’intenzione di acquistare ulteriori azioni di Endesa fino a raggiungere una percentuale pari al 24,99% del relativo capitale, a condizione di ottenere la prescritta autorizzazione da parte dell’Autorità di settore spagnola e, ovviamente, ove le condizioni di mercato lo permettano.

4) L’Enel non ha ancora assunto alcuna determinazione in merito alla partecipazione all’Assemblea generale di Endesa in programma per il 20 marzo 2007 e si riserva di avvalersi di tutte le opzioni al riguardo.

5) Né l’Enel né i suoi dirigenti hanno avuto relazioni, scritte o verbali, o hanno posto in essere azioni di concerto o hanno definito alcun patto scritto o verbale con alcuno degli azionisti significativi di Endesa.

6) L’Enel, essendo già presente in Spagna quale azionista di Viesgo sin dall’8 gennaio 2002, mantiene regolarmente contatti con organi istituzionali e Autorità di settore e loro rappresentanti nonché con altri soggetti, pubblici o privati, presenti nel settore dell’energia in Spagna, e numerose sono state le visite del senior management di Enel in Spagna per la gestione e lo sviluppo delle attività del Gruppo nel Paese.

In particolare, in occasione dell’ultima visita che ha effettuato in Spagna il 16 febbraio scorso, l’Amministratore Delegato di Enel Fulvio Conti, accompagnato dal suo Assistente Javier Anzola e dall’Amministratore Delegato di Enel Viesgo Miguel Antonianzas, ha incontrato a Madrid il Ministro dell’Industria, Turismo e Commercio, Joan Clos, e, successivamente, il Direttore de Oficina Econòmica del Presidente del Governo David Taguas.

L’agenda di entrambi tali colloqui prevedeva una serie di argomenti riguardanti il posizionamento di Enel in Spagna e in particolare la crescita organica di Enel Viesgo Generacion, di Enel Viesgo Distribucion, i programmi nel settore dell’energia rinnovabile (EUFER, dove l’Enel dispone di una partecipazione del 50%), il progetto del contatore elettronico, alcune problematiche specifiche (come l’impatto dell’RDL 3/2006 e il procedimento per abuso di posizione dominante), aspetti di carattere regolatorio, ecc.

7) Non esiste, allo stato, alcuna decisione da parte di Enel in relazione all’OPA attualmente in corso di E.On su Endesa.

8) La possibilità e l’intenzione di Enel di partecipare alla gestione di Endesa e dei suoi organi istituzionali, dipenderà, ovviamente, dalle dimensioni relative della partecipazione che l’Enel riuscirà a conseguire in tale Società.

Price Sensitive | febbraio, 28 2007

1498530-1_PDF-1.pdf

PDF (1.33MB)DOWNLOAD