Cambiare il mondo in 67 minuti

Pubblicato martedì 23 agosto 2016

“Ciò che conta nella vita non è il semplice fatto che abbiamo vissuto. È il modo in cui abbiamo fatto la differenza nella vita degli altri a determinare il significato della vita che conduciamo.”

– Nelson Mandela

67 minuti che fanno la differenza

Il 18 luglio, il Sudafrica celebra la giornata internazionale dedicata al ricordo di Nelson Mandela, primo presidente del paese dopo la fine delle leggi razziali e principale fautore della caduta dell'apartheid.

Un'occasione per condividere con gli altri il principio dell'ubuntu, che in lingua bantu significa "benevolenza verso il prossimo": Mandela ne ha fatto la sua filosofia di vita e lo ha indicato come principio etico fondamentale per tutto il Sudafrica.

Durante il Mandela Day tutti sono invitati a compiere un gesto per il bene della comunità. In omaggio ai 67 anni spesi dal leader sudafricano in difesa della giustizia, chiunque può prendere iniziativa per un'azione destinata al bene comune che lo impieghi per il tempo simbolico di almeno 67 minuti.

Fare di ogni giorno un Mandela Day

La Sizwile School è nata nel 1978 per accogliere ragazzi di colore non udenti, farli studiare, insegnare loro un mestiere e aiutarne l'inclusione sociale: una risposta tangibile e diretta all'ideologia dell'apartheid, che significa "separazione".

Oggi l'istituto ospita 245 ragazzi, dai 3 ai 19 anni, provenienti dagli insediamenti della zona. La nostra giornata di lavoro per rimettere a nuovo la scuola è un gesto semplice e concreto, in perfetto stile "Mandela Day".

“Abbiamo donato alla Sizwile School anche un impianto solare termico e sistemi di riscaldamento che aumentano l'efficienza energetica dello stabile.”

L'edizione 2016 della Giornata ha avuto come motto "Fare di ogni giorno un Mandela Day". Il tempo dedicato dai colleghi di Enel al servizio della comunità della scuola è il segno di un rapporto che, aldilà dei 67 minuti simbolici, prosegue durante il resto dell'anno.