Enel digital identity, così unici così diversi

Pubblicato venerdì 10 febbraio 2017

“Il nuovo sito in Romania è un website pilota che guiderà un cambiamento globale e che renderà l'azienda più aperta, trasparente e focalizzata sui bisogni dei clienti”

– Isabella Panizza, Head of Global Digital Communications

È proprio seguendo l’innovazione tecnologica e l’evoluzione dello scenario energetico che Enel ha cambiato la propria strategia di comunicazione. Partendo un anno fa con il lancio del nuovo logo e del nuovo sito enel.com e arrivando oggi al nuovo sito web presentato a Bucarest.

“Perché la Romania? É un banco di prova perfetto per questa sfida” precisa Michele Grassi, direttore generale di Enel Energie. “La clientela romena è limitata (2,7 milioni di utenti rispetto agli oltre 30 milioni in Italia) ma tecnologicamente matura, con una spiccata propensione al digital e fornita di una fra le reti internet più veloci al mondo. Enel punta a diventare uno degli attori principali della liberalizzazione del mercato in atto nel paese, e per farlo l'approccio digitale è importante”.

Linguaggio Open Power a 360 gradi

Apertura, trasparenza, innovazione e sostenibilità, creazione di valore condiviso, digitalizzazione e attenzione al cliente sono i principi espressi dal concetto di Open Power, lo stile alla base del nuovo modo di comunicare i valori di Enel.

“Open Power è la strategia sulla quale abbiamo costruito un innovativo modello di comunicazione, a partire dal nuovo logo. È stato il primo passo per dire al mondo che siamo cambiati e vogliamo essere aperti, per ascoltare e capire in che modo possiamo andare incontro alle esigenze dei nostri clienti”

– Ryan O’Keeffe, Director of Communications

Lanciato come il nuovo logo nel gennaio 2016, il nuovo sito corporate enel.com è passato da una struttura  a “silos” di portale-contenitore a una piattaforma virtuale aperta, con l’utente al centro, fornito di informazioni utili e di una user experience intuitiva, best-in-class grazie ai migliori software e sistemi di navigazione. Non solo un sito coinvolgente e accessibile da qualsiasi device mobile (come smartphone e tablet), ma soprattutto un vero e proprio ecosistema digitale, luogo virtuale e ideale per un pubblico che vuole mantenersi aggiornato e condividere informazioni.

Il passo successivo è stato replicare il modello a tutto il network di siti web del gruppo, con un passaggio di testimone tra un sito e l’altro, tra un paese e l’altro. Così dopo enel.com (che ha fatto un “primo tagliando” a settembre) sono arrivate le nuove espressioni armoniche e personalissime dei siti country: Enel.it, Endesa.com, il pilota Enel.ro ed Enel Chile, seguiti da Brasile, Perù, Argentina, Russia, Colombia e il sito di Global Procurement. É online anche il nuovo sito di Enel Green Power, completamente rivoluzionato, più accessibile, ricco di informazioni e intuitivo.

“È stato un lavoro imponente che ci ha portati a razionalizzare il numero di touch point digitali del gruppo, passando da 195 a 67, tutti riconoscibili da un’unica impronta, ma ognuno diverso e modellato sull’identità di ciascuna Country” aggiunge Panizza.

La storia infinita dell’energia

La nuova identità digitale del Gruppo contribuisce a valorizzare il brand e ispira inedite sfide. Scopo è quello di raccontare le metamorfosi dell’energia e i mille volti che assume nelle realtà in cui operiamo, chiedendo aiuto ai nostri utenti. Come nel romanzo fantastico di Michael Ende, “La storia infinita”, ogni personaggio e ogni episodio dell’avventura sono il potenziale inizio di “un’altra storia”, una ramificazione di un grande albero sempreverde.

“Il nuovo ecosistema di comunicazione digitale – osserva Ryan O’Keeffe, Director of Communications – è lo strumento con cui vogliamo spiegare al mondo chi siamo e cosa facciamo. Non più (e non solo) attraverso i cinque bullet point che dicono ‘abbiamo 96 GW di capacità installata, 1,9 milioni di chilometri di reti elettriche, 70mila dipendenti, 61 milioni di clienti, e siamo in 33 paesi’, ma raccontando come si arriva a questi numeri”.