Smart Grid, l’energia è intelligente

Pubblicato giovedì 15 marzo 2018

“Continueremo a implementare questa strategia con investimenti massicci, mettendo a punto nuove tecnologie che applicheremo via via alle reti trasformandole in ecosistemi complessi capaci di aumentare la sostenibilità di una città e di abbattere i costi dell’energia”

– Livio Gallo, Direttore divisione globale Infrastrutture e Reti di Enel

Una nuova rivoluzione industriale

Sì, la smart grid è piena di benefici, ha confermato Zeynep Tufekci nei quaranta minuti del suo intervento, e promette di essere “l’equivalente di una seconda rivoluzione industriale”. Ma, proprio come la prima, può avere impatti sociali complicati da gestire. E come tutto ciò che è basato sul digitale e sui computer, presenta una serie di implicazioni e di dilemmi etici non diversi da quelli derivati dalla diffusione a macchia d’olio degli smartphone, dei social network o dell’intelligenza artificiale. Quali dilemmi, e come risolverli, o perlomeno prevederli, mentre la transizione è in corso ed è semplicemente impossibile arrestarla?

“Per esempio, in alcuni luoghi del mondo la rete elettrica è un misto di legalità e illegalità, con molte persone che per necessità trafugano l’energia con connessioni volanti. - ha proseguito Tufekci - Come è possibile passare alla smart grid in condizioni simili? Chi ruba l’elettricità resterebbe fuori definitivamente dalla nuova rete? Oppure bisogna trovare un sistema di sussidi per includervi anche loro e renderli parte del processo di transizione? È una questione politica, che solo il governo o le autorità locali possono risolvere”.

E ancora: “Una smart grid produce una quantità enorme di dati, quindi l’azienda elettrica diventa un’azienda di dati, con tutte le problematiche che ne conseguono in tema di privacy. Grazie all’intelligenza artificiale, tutti questi dati potenzialmente sono in grado di rivelare informazioni sulle abitudini delle persone, sui loro schemi di comportamento.”

“Il passo successivo, ancora una volta, è sociopolitico: una smart grid potrebbe diventare uno strumento di controllo sociale, una parte dell’apparato di sicurezza, dato che ti permette di dedurre cosa succede nelle città casa per casa?”

– Zeynep Tufekci, sociologa, esperta di nuove tecnologie

Secondo Tufekci, la questione è: cosa fare con quei dati? Sono indispensabili per gestire meglio la rete e apportare agli utenti benefici sempre maggiori, ma costituiscono anche una pesante responsabilità. “Su chi debba ricadere questa responsabilità e come gestirla sono interrogativi a cui dare una risposta in fretta, perché la transizione è già in atto e il futuro è molto più vicino di quanto crediamo. Le smart grid promettono di rendere l’energia più democratica, non diversamente da quanto Internet ha fatto con l’informazione e la conoscenza, ma come per il web dobbiamo fare in modo che l’evoluzione sia portata avanti dagli attori principali in maniera responsabile e trasparente".

Verso il cliente smart

“Al di là del fatto che le normative dei Paesi dove il nostro gruppo opera ci permettono di utilizzare i dati solo col consenso scritto del cliente - le ha fatto eco Livio Gallo, - crediamo che la realizzazione della smart grid ideale, quella capace di abbattere i costi dell’energia e dei servizi e addirittura di far guadagnare il consumatore-produttore, possa avvenire soltanto se a essere smart sono anche le leggi, la regolamentazione del mercato e i clienti. L’evoluzione di tutti questi aspetti deve andare di pari passo. Per noi educare il cliente, renderlo smart, è importante quanto sviluppare le tecnologie, ma non vogliamo necessariamente essere gli educatori. Un cliente smart è chi sa fare un uso intelligente dell’energia, magari grazie a informazioni in tempo reale sui suoi consumi che gli mostrino quali apparecchi sta tenendo accesi quando potrebbe farne a meno”.

Esattamente il tipo di informazioni che un giorno non lontano la smart grid sarà in grado di darci. Il futuro avanza e non c’è altra scelta che affrontarlo, quindi tanto vale attrezzarsi. Nelson Mandela, che in quanto a cambiamento ha avuto parecchio da insegnarci, scrisse che quando l’acqua bolle è da sciocchi spegnere il fuoco.