Da vecchie centrali elettriche a nuovi spazi sociali

“La crescita delle rinnovabili, il calo dei consumi e il bisogno condiviso di uno sviluppo sostenibile aprono un nuovo scenario. Enel ha dimesso 23 centrali termoelettriche e lavora con le comunità locali per dare un futuro di pubblica utilità a questi impianti”

Attraverso questo processo di collaborazione, impianti obsoleti si apriranno a nuovi usi per costruire opportunità di sviluppo per il territorio, le imprese, le persone e dare impulso all'economia locale.

Potenziare l'economia anche attraverso la cultura

La dedizione di Enel per garantire un futuro brillante agli impianti dismessi si basa sulle storie di successo che abbiamo visto nelle principali città di tutto il mondo. Un esempio virtuoso è dato dalla Tate Modern Art Gallery di Londra.

“Fino al 1981 la Tate Modern Art Gallery di Londra era la centrale elettrica di Bankside”

Fino al 1981, la Tate Modern Art Gallery di Londra era l'impianto di produzione di energia elettrica di Bankside, una centrale ad olio combustibile che produceva circa 300 MW di elettricità. Banskside è stato l'ultimo impianto di generazione elettrica costruito nel centro di Londra, ma negli anni '80 l'aumento dei prezzi del petrolio ha fatto sì che la continuazione delle sue attività non fosse più redditizia, e ha portato alla sua chiusura.

Attualmente la centrale di Bankside ospita una delle gallerie d'arte più grandi e famose al mondo, che rappresenta un simbolo della vita culturale di Londra. La sua sala delle turbine contiene alcune delle installazione di arte moderna più grandi mai realizzate, attirando visitatori da tutto il pianeta.