Il giorno dei mille alberi

Pubblicato giovedì 14 luglio 2016

“L'ultima settimana del mese, nel periodo che va da maggio a settembre, che corrisponde al periodo delle piogge, i volontari si danno appuntamento con l'obiettivo di seminare e piantare alberi.”

Enel è partner di Plantemos 1000 arboles da diversi anni e i lavoratori di EGP in Guatemala sono ormai fedeli a questi incontri, che li portano nelle foreste del Paese armati di pale, secchi e annaffiatoi. Guidati dai volontari e animati da un grande entusiasmo, hanno portato a termine la loro missione per conto della natura sulle rive del fiume Pixcaya.

Seminare insieme il futuro

Quando i conquistadores di Hernán Cortés, reduci dalla vittoria sugli aztechi che popolavano l'attuale Messico, decisero di espugnare altre regioni del Nuovo Mondo presero la strada verso sud. Li attendeva una regione che l'antica lingua nahuatl chiamava "Cuauhtemallan" ovvero la "Terra dei molti alberi": il Guatemala.

È da oltre seicento anni che il Guatemala è il Paese degli alberi. Le zone vulcaniche e le temperature tropicali hanno fatto crescere foreste rigogliose che i volontari di Plantemos 1000 arboles curano e proteggono anche grazie all'aiuto gratuito dei lavoratori di Enel.

“Oltre 5200 persone hanno partecipato sino ad oggi alle 33 missioni promosse dai volontari di "Plantemos" contribuendo a far crescere 46.200 nuovi alberi.”

A sostenere l'attività di Plantemos ci sono singoli cittadini e aziende che partecipano alle 6 semine annuali e si fanno a loro volta testimonial. È un'esperienza che trova nella condivisione la sua energia più grande.

Piantare 1000 alberi in un giorno può sembrare un traguardo troppo ambizioso e inarrivabile, quasi folle. Ma il Guatemala insegna che basta mettersi insieme per raggiungere quei risultati rivoluzionari di cui il mondo ha bisogno.