Lettera agli stakeholder

Lettera agli stakeholder

Un anno impegnativo come il 2020, caratterizzato dall’emergenza pandemica, ci ha fatto fare un viaggio nel futuro agendo da acceleratore di importanti trend legati alla transizione energetica: decarbonizzazione, elettrificazione e digitalizzazione. Le aziende più sostenibili si sono mostrate più flessibili, più competitive e con un profilo di rischio minore. È emerso con chiarezza che un progresso sostenibile comporta maggiori opportunità di crescita per le aziende e maggiore resilienza a fronte di eventi imprevisti e minor profilo di rischio per gli azionisti.

In tale contesto, Enel fa di innovazione e sostenibilità un binomio inscindibile, mantenendo sempre nel proprio DNA lo spirito di servizio e l’attenzione a far bene alla società in cui opera. Siamo parte del territorio e componente essenziale nella vita delle persone, delle aziende e della società nel suo insieme. La nostra storia è iniziata portando la luce nelle case e garantendo lo sviluppo mediante la fornitura di elettricità alle imprese. Ci siamo aperti a nuove tecnologie, a nuovi modelli di partnership, a nuovi modi di usare l’energia, coinvolgendo il più possibile tutti i nostri stakeholder per creare insieme un futuro più sostenibile.

Un approccio che ci ha permesso di diventare il più grande operatore privato nelle energie rinnovabili, la più grande società privata di distribuzione di energia elettrica con il più avanzato grado di digitalizzazione delle reti, nonché di gestire la più estesa base clienti retail di energia elettrica e gas al mondo tra le società private. Produciamo, distribuiamo e vendiamo energia in maniera sempre più sostenibile, senza lasciare indietro nessuno. Coinvolgiamo i nostri stakeholder perché siano sempre più consapevoli della nostra realtà e parte integrante del nostro modello di business sostenibile.

Nelle fasi di cambiamento, in cui la velocità degli attori non è uniforme e si presentano nuove e numerose variabili, deve esserci una chiara e ampia visione strategica e progettuale in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Un’impresa sostenibile nel lungo termine avrà valore perché il suo comportamento e la sua offerta corrisponderanno a quanto gli stakeholder di domani, nativi sostenibili, chiederanno. Ecco perché per la prima volta abbiamo presentato un piano a 10 anni, dichiarando in maniera inequivocabile la nostra visione di lungo termine e la utility che vogliamo essere nei prossimi anni.

Grazie alla progressiva decarbonizzazione sarà possibile utilizzare l’energia elettrica in tutti quei settori che ricorrono ancora fortemente ai combustibili fossili, impegnandoci ulteriormente verso la digitalizzazione e la ricerca di soluzioni innovative per l’elettrificazione dei consumi finali. Al tempo stesso, come infrastruttura fisica sul territorio, saremo sempre più esposti ai fenomeni legati al cambiamento climatico, quali inondazioni, siccità, ondate di calore e gelate estreme. Affronteremo queste perturbazioni incrementando la sicurezza e la resilienza dei nostri impianti e delle nostre reti al fine di continuare a garantire elevati livelli di qualità e affidabilità del servizio al cliente. Un cliente sempre più consapevole di come l’energia elettrica rappresenti oggi la scelta più semplice e naturale per contribuire in prima persona a un futuro sostenibile.

L’innovazione e l’economia circolare caratterizzano tutte le attività della nostra catena del valore, introducendo il concetto di sostenibilità sin dalla fase di design. Ridurremo le emissioni dirette di CO2 dell’80% entro il 2030 rispetto al 2017, come certificato dalla Science Based Targets initiative, e raggiungeremo una neutralità in termini di emissioni entro il 2050.

I principali attori della nostra strategia sono le persone con la loro capacità di innovazione e il modo di pensare digitale: a loro vanno garantita una crescita sostenibile e l’adozione di princípi di circolarità. Circolarità significa valorizzare le potenzialità esistenti in una nuova dimensione attraverso programmi di reskilling e di rinnovamento delle competenze. Un nuovo modo di essere, attento alle relazioni, alla fiducia e al rispetto per i talenti di ogni persona, pur continuando a concentrarsi sul raggiungimento degli obiettivi.

Partner strategici nella crescita di Enel sono anche i fornitori, che in quest’anno di pandemia hanno dimostrato una forte e rapida capacità di reagire e riorganizzarsi. Con loro intendiamo percorrere la strada di una crescente ricerca di innovazione e sostenibilità in tutte le dimensioni della nostra futura collaborazione.

Il risultato è che oggi decliniamo in modo sostenibile ogni ambito della nostra attività, inclusa quella finanziaria. Una leadership riconosciuta a livello mondiale anche dalla presenza del Gruppo in diversi importanti rating, indici e ranking di sostenibilità.

Elemento chiave è la misurazione della sostenibilità lungo l’intera catena di valore attraverso l’adozione di specifiche metriche e la definizione di target sempre più ambiziosi, non solo per dare conto dei risultati raggiunti, ma soprattutto per anticipare le decisioni e sviluppare un atteggiamento proattivo. Una rendicontazione di sostenibilità che rappresenta quello che è successo nel passato ma soprattutto che ci proietta nell’Enel del futuro.

Impegnandoci tutti insieme possiamo perseguire un progresso sostenibile, che renderà la nostra azienda e i contesti sociali in cui opera più prosperi, inclusivi, sostenibili e resilienti.

 

Michele Crisostomo
Presidente del Consiglio di Amministrazione

Francesco Starace
Amministratore Delegato e Direttore Generale