Digitalizzazione della rete elettrica | Enel Group

Stiamo costruendo le reti elettriche del futuro

Benvenuti in Global Infrastructure and Networks. La tua energia, ovunque ti trovi: siamo il primo operatore privato di reti di distribuzione elettrica al mondo.

Più di 34.000 persone

impegnate a costruire e gestire l’infrastruttura alla base della transizione energetica del futuro

2,2 milioni di chilometri

di reti elettriche in 8 paesi 

484,6 TWh

 di energia distribuita nel 2020

La nostra mission: Grid Futurability®

Gli operatori di distribuzione elettrica oggi svolgono l’importante funzione di gestire un’infrastruttura che abilita la transizione energetica, favorendo i processi di decarbonizzazione ed elettrificazione.

Il nostro compito principale come Enel Global Infrastructure and Networks è garantire un servizio di qualità, accessibile e affidabile attraverso una rete elettrica efficiente e digitalizzata, che abiliti uno stile di vita più sostenibile attraverso l’utilizzo dell’energia elettrica. 

Un mondo più elettrificato con energia rinnovabile ha bisogno di reti di distribuzione resilienti, partecipative e sostenibili per accelerare lo sviluppo di tutte le comunità. Benvenuti nella Grid Futurability® di Enel!

Partecipazione

Le nostre reti sono sistemi flessibili e aperti in cui clienti, rivenditori, aggregatori, produttori di energia e nuovi attori possono operare e collaborare per accelerare la transizione energetica. Come operatori di sistema, apriamo le nostre reti alla partecipazione attiva degli stakeholder, fornendo una piattaforma in cui tutti possano operare allo stesso modo, incoraggiando l’utilizzo dell'elettricità per generare valore condiviso. Allo stesso modo, le nostre persone collaborano costantemente con la supply chain, con la comunità di innovatori e con i clienti per sviluppare insieme nuove soluzioni e creare un ecosistema di partnership.

Resilienza

Maggiore presenza di risorse energetiche distribuite e collegate alle reti di distribuzione, aumento del numero di consumatori che immettono elettricità rinnovabile nella rete, diffusione delle auto elettriche: sono questi alcuni dei fattori che richiedono l’adeguamento delle infrastrutture a nuove condizioni operative. La digitalizzazione delle nostre reti diventa essenziale per garantire affidabilità, qualità e continuità del servizio e per gestire nuove risorse di flessibilità.

Sostenibilità

Lavoriamo in tutto il mondo per accelerare la penetrazione della generazione rinnovabile, avvicinandoci a un mondo a zero emissioni. Siamo anche impegnati nel diffondere l’accesso all’energia e l’elettrificazione dei consumi nelle aree in cui operiamo. In linea con i principi dell'economia circolare, stiamo ripensando interamente la nostra catena del valore, ridisegnando i processi produttivi dei nostri asset per includere quanto più possibile materie prime sostenibili e riciclabili, con l’obiettivo di massimizzarne il valore economico e ridurre gli impatti ambientali, nonché le emissioni di CO2.

La nostra innovazione

Dai laboratori al territorio, le nostre tecnologie all’avanguardia rendono possibile la transizione energetica.

Da 20 anni siamo impegnati a creare un ecosistema di conoscenze per sviluppare e portare a termine la digitalizzazione delle reti. Oggi siamo un punto di riferimento in tema di smart metering, grazie agli oltre 44 milioni di contatori elettronici installati sulle nostre reti nel mondo, e progettiamo nuovi sistemi di automazione delle nostre reti di distribuzione per soddisfare la crescente domanda di energia. Entro il 2023 puntiamo a raggiungere 77 milioni di utenti finali, di cui il 64% digitalizzati grazie alla tecnologia smart meter, arrivando a 49 milioni di asset installati sulle nostre reti nel mondo. Parallelamente, stiamo lavorando all’implementazione di un modello operativo innovativo e integrato per gestire le nostre reti in modo globale facendo leva sulle opportunità offerte dalla digitalizzazione e dalle tecnologie emergenti. 

Come attore globale, che serve sia le aree rurali sia alcune delle più grandi città del pianeta, lavoriamo con startup, fornitori e partner per sviluppare la Grid Futurability® attraverso la nostra rete internazionale di Innovation Hubs&Labs.

Haifa (Israele)

Il laboratorio Infralab è focalizzato sulla relazione tra infrastrutture fisiche e mondo digitale attraverso le tecnologie del Network Digital Twin che puntano a realizzare un modello virtuale della rete in grado di replicarne il funzionamento, testarlo in diverse condizioni e anticipare possibili problematiche. Insieme alle startup troviamo le migliori soluzioni innovative per risolvere alcune sfide delle nostre reti, con nuovi dispositivi sperimentali, l’applicazione di intelligenza artificiale e soluzioni dell’Internet of things (IoT).

Malaga (Spagna)

Lo Smartcity Malaga Living Lab nasce per sperimentare e testare le tecnologie legate alle smart grid in un ambiente reale guardando alle città del futuro: un ecosistema ricco di innovazione che esplora soluzioni di efficienza energetica, sistemi di demand response e servizi di gestione remota e sicura delle informazioni.

Milano (Italia)

È il polo europeo dove costruiamo il futuro delle tecnologie di rete nel campo dell’automazione, della digitalizzazione e dell’industria 4.0. Qui è nato il contatore elettronico grazie al quale l’Italia è stato il primo Paese al mondo con una rete elettrica interamente digitalizzata.

San Paolo (Brasile)

Anche in Sud America, attraverso il Lab di San Paolo, insieme con le startup sviluppiamo nuove tecnologie nei settori dell’intelligenza artificiale, della realtà aumentata e virtuale e dell’Internet of things (IoT). A San Paolo è attivo anche il progetto Vila Olímpia, con il primo Network Digital Twin di tutto il Sud America.

{{item.title}}

Smart Meter

I contatori elettronici intelligenti (smart meter) sono il cuore della digitalizzazione delle reti, un pilastro fondamentale per consentire lo sviluppo e l’evoluzione delle Smart Grid del futuro. Enel è stato il pioniere a livello globale di queste tecnologie con la nascita nel 2000 del sistema “Telegestore”, il primo sistema di smart metering al mondo. Oggi, dopo venti anni di esperienza e tre generazioni di tecnologie sempre più evolute che sono state sviluppate nel corso del tempo, Enel è un “player” globale di riferimento in questo campo e primo operatore per numero di smart meter installati sulle proprie reti di distribuzione, specialmente in Europa e in America Latina. 

L’ultima generazione di smart meter Enel, nata nel 2016, è la famiglia “Open Meter” (attualmente in fase di installazione in Italia) che rappresenta il sistema più evoluto oggi disponibile nel mercato globale grazie all’impiego di tecnologie all’avanguardia e all’implementazione di nuove funzionalità innovative che introducono benefici per tutti gli operatori di mercato.

Dai primi anni del 2000 a oggi, abbiamo prodotto più di 85 milioni di contatori digitali, di cui 44 milioni attualmente installati sulle nostre reti di distribuzione, fornendo la tecnologia a più del 60% dei nostri clienti con l’obiettivo di coprire il 100% entro il 2030. Di questi apparati, circa 19,6 milioni sono di ultima generazione (famiglia “Open Meter”) che diventeranno 28,8 entro la fine del 2022. 

Gli smart meter permettono ai clienti una maggior consapevolezza e un controllo attivo sui consumi di energia, potenziando al tempo stesso efficienza e resilienza della rete, fattori che rappresentano un passo fondamentale per affrontare le sfide poste dalla transizione energetica. Gli smart meter della famiglia “Open Meter”, in particolare, facilitano una gestione automatica e intelligente della rete grazie alla possibilità di essere utilizzati sia per scopi di natura commerciale che come dispositivi per poter disporre di informazioni capillari sul funzionamento della rete: in altre parole sono dei veri e propri sensori avanzati. Essi garantiscono inoltre il rilevamento delle anomalie di consumo e abilitano la gestione degli “storage” di energia, dei sistemi di sensoristica IoT basati su cloud e sull’analisi dei big data. Gli smart meter della famiglia “Open Meter” implementano inoltre un canale di comunicazione dedicato al cliente, mediante il quale è possibile ricevere informazioni di dettaglio in tempo reale riguardo ai consumi, consentendo al cliente finale di diventare sempre più consapevole delle proprie abitudini favorendo una sua partecipazione sempre più attiva al mercato dell’energia.

 

Smart Grid Services

Sistemi avanzati di automazione delle reti di distribuzione sono essenziali per gestire la complessità dei nuovi scenari di elettrificazione e decarbonizzazione: consentono di integrare fonti energetiche distribuite, fornire nuovi servizi centrati sul cliente e garantire efficienza, affidabilità, flessibilità, resilienza e sicurezza delle reti. L’offerta dei servizi di Enel comprende sia la progettazione sia l’adattamento e la riconfigurazione dei sistemi di automazione delle reti di distribuzione.

{{item.title}}

Flessibilità

Le grandi ed entusiasmanti sfide che ci attendono per il prossimo futuro impongono una profonda trasformazione del settore energetico. Il progetto dell’Europa di azzerare le emissioni entro il 2050, per esempio, richiede di puntare a tutta forza sull’energia pulita. Per raggiungere l’obiettivo sarà necessario aggiungere almeno 350 GW di capacità rinnovabile entro il 2030. Un impegno che comporterà anche un profondo rinnovamento delle reti di distribuzione in infrastrutture sempre più intelligenti, responsive ed affidabili.

Per farlo, serve un approccio nuovo, ancor più dinamico, per portare energia pulita a tutti in ogni momento, e la risposta si chiama “flessibilità”: soluzioni innovative che contribuiscono in maniera significativa all’efficienza di gestione e alla resilienza della rete, valorizzando tutte le fonti di generazione di energia sostenibile connesse all’infrastruttura elettrica, e al tempo stesso favorendone la diffusione.

Attraverso l’iniziativa Flexibility Lab, grazie alla leadership nel settore delle smart grid Enel mette a disposizione le proprie competenze, tecnologie ed esperienza per collaborare con tutti gli operatori e stakeholder della flessibilità, guidando la transizione verso un sistema elettrico sempre più resiliente. Siamo attivamente impegnati nella ricerca di nuove soluzioni per contribuire allo sviluppo, all’integrazione e al testing dei servizi, dei prodotti, dei dispositivi e delle risorse per la flessibilità. Ci apriamo alla collaborazione con i produttori di energia e i gestori delle reti (DSO, Distribution Systems Operator), secondo l’approccio Open Power che ci contraddistingue, per agevolare lo sviluppo e la messa a punto dei dispositivi e delle risorse dei diversi partner ed operatori di flessibilità.

Con il progetto “Flexibility Lab” abbiamo messo a disposizione quattro centri di eccellenza, a Milano e Bari in Italia, e a Malaga e Barcellona in Spagna, dove sarà possibile testare sul campo le nuove tecnologie e soluzioni per la flessibilità. Si tratta di test center in grado di replicare le reali e complesse condizioni di funzionamento delle reti elettriche per consentire a tutti gli attori del nuovo mercato della flessibilità di sperimentare soluzioni innovative di flessibilità.

 

“Mentre entriamo in una nuova era dell'energia caratterizzata da uno spostamento senza precedenti verso risorse energetiche distribuite connesse alla rete, la nostra infrastruttura ha bisogno di espandersi e modernizzarsi, e richiede soluzioni intelligenti e affidabili in grado di fornire un servizio di qualità ai nostri clienti, ovunque e in qualsiasi momento. In questo scenario in evoluzione, la flessibilità gioca un ruolo chiave nell’abbracciare la trasformazione energetica: attraverso la nostra iniziativa Flexibility Lab, apriamo le porte dei nostri centri di eccellenza a tutti gli stakeholder dell'energia elettrica, consentendo loro di collaborare, testare e verificare le proprie soluzioni in un ambiente operativo reale, rendendoli pronti per il futuro a beneficio dei consumatori sulla roadmap verso un futuro a emissioni zero”.
Antonio Cammisecra, Direttore Divisione Globale Infrastrutture e Reti di Enel
 

In particolare, la struttura di Milano è specializzata in media tensione, quella di Bari in bassa tensione e microgrid. Entrambe offrono la possibilità di simulazione ed emulazione in ambiente controllato per analizzare le potenzialità e l’integrazione delle varie risorse di flessibilità nella rete, anche in scenari operativi estremi.

Il lab di Malaga si configura come un living lab specializzato in servizi di modulazione della domanda mentre l’hub di Barcellona è invece focalizzato sui servizi di flessibilità per l’alta tensione e sulla mobilità elettrica.

Infatti, anche in ambito di mobilità sostenibile si possono sviluppare soluzioni per ottimizzare la capacità delle batterie delle auto elettriche, gestire i momenti di ricarica in base ai carichi della rete di distribuzione e perfino usare le e-car come sistemi di accumulo temporanei, che possono cedere energia alla rete in caso di fabbisogno.

Questi sono solo alcuni esempi di una gamma di soluzioni virtualmente infinita. La sfida, oggi, è individuare quelle più funzionali, efficienti e rapidamente scalabili: con Flexibility Lab, Enel si posiziona in un nuovo mercato in cui concretamente rafforza il contributo e la diffusione delle risorse energetiche distribuite collegate alla rete, sostenendo così gli ambiziosi obiettivi di decarbonizzazione verso un futuro a zero emissioni.

Scopri di più