AL VIA IL PIANO DI STOCK OPTION 2003

Roma, 10 aprile 2003 - Il Consiglio di Amministrazione dell’Enel, riunitosi oggi sotto la presidenza di Piero Gnudi, ha approvato il piano di stock option per l’anno 2003 ed il relativo regolamento attuativo. La delega ad aumentare il capitale sociale al servizio di tale piano verrà richiesta alla Assemblea degli azionisti già convocata per il 23 maggio 2003 in prima e per il 24 maggio 2003 in seconda convocazione, il cui ordine del giorno è stato appositamente integrato a tal fine nella odierna riunione del Consiglio di Amministrazione. Il piano in questione, ispirato a logiche analoghe a quelle del piano adottato nel corso del 2002, prevede che ai dirigenti individuati dal Consiglio di Amministrazione vengano assegnati diritti personali (“opzioni”) relativi alla sottoscrizione di un corrispondente numero di azioni ordinarie Enel di nuova emissione. In particolare, il Consiglio di Amministrazione ha deliberato in data odierna l’assegnazione di complessive 47.624.005 opzioni in favore di circa 550 dirigenti del Gruppo, tra i quali figura anche l’Amministratore Delegato dell’Enel, nella qualità di Direttore Generale. Il piano prevede che le opzioni - una volta realizzatesi le condizioni di esercizio - possano essere esercitate per una quota del 30% a decorrere dal 2004, per una ulteriore quota del 30% a decorrere dal 2005 e per il residuo 40% a decorrere dal 2006; in ogni caso le opzioni non potranno essere esercitate oltre il 31 dicembre 2008. L’esercizio delle opzioni è condizionato al raggiungimento dei parametri di performance fissati dal Consiglio di Amministrazione. In particolare, il piano dispone che tutte le opzioni assegnate divengano esercitabili - secondo la tempistica sopra indicata - qualora nel corso dell’anno 2003 venga superato l’obiettivo di EBITDA consolidato indicato nel budget e l’andamento borsistico dell’azione Enel sul mercato italiano risulti superiore – secondo i criteri di calcolo indicati nel regolamento di attuazione del piano – a quello di uno specifico indice di riferimento (50% MIBTEL e 50% FTSE Eurotop 300 Electricity). Nell’ipotesi in cui anche uno solo degli obiettivi ora indicati non venga raggiunto, tutte le opzioni assegnate decadono automaticamente. Lo strike price è stato fissato in misura pari alla media aritmetica dei prezzi di riferimento di Borsa dell’azione Enel nel periodo compreso tra il 10 marzo ed il 10 aprile 2003, nel rispetto della normativa fiscale di riferimento. Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre deliberato un limitato aumento del capitale sociale (per circa 41,7 milioni di euro) al servizio delle opzioni assegnate con il piano di stock option per l’anno 2002 e divenute esercitabili.

Stock Option 2003.PDF

PDF (0.03MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi