ENEL: NESSUN MANDATO A BANCHE PER FUSIONE WIND-E.BISCOM

Roma, 10 novembre 2004 – Enel smentisce di aver dato incarico a banche d’affari per studiare ipotesi di fusione tra Wind ed E.biscom, come riportato da alcune illazioni di stampa.

Enel conferma di considerare Wind un importante investimento finanziario che intende valorizzare nell'interesse dei propri Azionisti e che in questa direzione valuterà tutte le opzioni che dovessero presentarsi.

Enel provvederà a informare tempestivamente il mercato qualora si venissero a profilare  opportunità concrete, mentre, d’ora in avanti, si asterrà dal commentare ulteriori illazioni di stampa.

Microsoft Word - Smentita Wind 3.doc

PDF (0.06MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi