ENEL ADERISCE AL NUOVO CODICE DI AUTODISCIPLINA DELLE SOCIETA QUOTATE

Roma, 19 dicembre 2006 – Il Consiglio di Amministrazione dell’Enel, riunitosi oggi sotto la presidenza di Piero Gnudi, ha deliberato il pieno recepimento da parte della Società delle raccomandazioni formulate nella nuova edizione del Codice di Autodisciplina delle società quotate, pubblicata nel mese di marzo 2006.

Nella odierna riunione il Consiglio di Amministrazione ha inoltre adottato le misure di propria competenza per adeguare la corporate governance di Enel alle raccomandazioni della nuova edizione del Codice.

In tale ambito il Consiglio di Amministrazione ha provveduto, in particolare:
* al riconoscimento della qualifica di amministratore esecutivo anche nei riguardi del Presidente, alla luce di quanto disposto dalla nuova edizione del Codice;
* all’accertamento dei requisiti di indipendenza in capo a tutti gli amministratori non esecutivi;
* alla definizione degli orientamenti in merito al numero massimo di incarichi che possono essere rivestiti negli organi di amministrazione e di controllo di altre società di rilevanti dimensioni da parte dagli Amministratori di Enel;
* alla ridefinizione della composizione del Comitato per il controllo interno, che risulta ora presieduto da Augusto Fantozzi;
* all’approvazione di specifici regolamenti organizzativi del Comitato per le remunerazioni e del Comitato per il controllo interno, che ne disciplinano le modalità di funzionamento e ne allineano le competenze a quelle indicate nella nuova edizione del Codice;
* a prendere atto della identificazione dei principali rischi inerenti il Gruppo Enel e dell’individuazione dei criteri di misurazione, gestione e monitoraggio dei rischi stessi, concordando circa la compatibilità dei rischi medesimi con una corretta gestione imprenditoriale;
* all’approvazione di un apposito regolamento per la disciplina delle operazioni con parti correlate.

Dell’insieme di tali misure si provvederà a dare conto compiutamente nella relazione sulla corporate governance che sarà pubblicata contestualmente al progetto di bilancio relativo all’esercizio 2006.

Si segnala inoltre che nello scorso mese di novembre il Consiglio di Amministrazione di Enel ha provveduto all’aggiornamento ed all’integrazione del Modello organizzativo adottato in relazione alle disposizioni in materia di responsabilità amministrativa (ma di fatto penale) delle società contenute nel Decreto Legislativo n. 231 dell’8 giugno 2001, inserendo tra l’altro nel Modello stesso specifiche procedure per la prevenzione dei reati e degli illeciti amministrativi in materia di abusi di mercato.

Con tali iniziative Enel ha quindi rafforzato e al contempo aggiornato il proprio sistema di corporate governance, al fine di offrire al mercato adeguate garanzie di trasparenza e correttezza nella gestione della Società.

Microsoft Word - Codice di autodisciplina.doc

PDF (1.27MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi