ENEL: AL TEATRO DAL VERME DI MILANO LA PAROLA CONTESA ERIC-EMMANUEL SCHMITT E EVA CANTARELLA PARLANO DI SCRIVERE

Secondo appuntamento a Milano con il ciclo di incontri organizzato da Enel e il Teatro Eliseo di Roma “La Parola contesa”. SCRIVERE è la seconda parola in discussione il 12 novembre alle 18.30 al Teatro Dal Verme, con Eric-Emmanuel Schmitt e Eva cantarella. Cura l’incontro Massimiliano Finazzer Flory. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Milano, 9 novembre 2007  - La scrittura come luogo, strategia, strumento. La parola SCRIVERE fa da protagonista del secondo incontro a Milano del ciclo La parola contesa, organizzato da Enel in collaborazione con il Teatro Eliseo di Roma e che si terrà il 12 novembre alle ore 18.30 al Teatro Dal Verme di Milano.

Ne discutono il filosofo francese Eric-Emmanuel Schmitt, l’autore di teatro contemporaneo oggi più rappresentato, e Eva Cantarella, professore di Istituzioni di Diritto Romano e Diritto Greco antico all’Università di Milano. A moderare il dialogo Massimiliano Finazzer Flory, saggista, editorialista e curatore di rassegne culturali in tutta Italia.
L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti. L’ incontro sarà trasmesso on line, dal giorno dopo, su www.enel.it

La scrittura sarà vista anche come itinerario simbolico tra antichità classica e inquietudini contemporanee. Per scoprire se la letteratura è ancora il migliore dei mondi possibili. Scrivere è ancora una possibilità di salvezza? O una parola contesa tra immagine e immaginazione?

Il prossimo appuntamento a Milano sarà il 19 novembre 2007 – Yves Bonnefoy e Giulio Giorello parleranno di LEGGERE.

La rassegna si sposterà poi al Teatro Mercadante di Napoli, il 26 novembre, il 3 e il 10 dicembre.

Microsoft Word - La parola contesa 12.11.2007.doc

PDF (0.05MB) Scarica
Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi