NUOVA INTESA ENEL-ENI-GAZPROM SU SEVERENERGIA

- Eni ed Enel firmano un accordo per la cessione del 51% di SeverEnergia a Gazprom per un corrispettivo di circa 1,5 miliardi di dollari statunitensi, con target di produzione di almeno 150.000 barili equivalenti di petrolio al giorno dal 2013.

Sochi, 15 maggio 2009 - Eni ed Enel hanno firmato in data odierna un accordo con Gazprom per la cessione a quest’ultima del 51% del capitale di SeverEnergia, società che possiede l’intero capitale di Arcticgaz, Urengoil e Neftegaztechnologia, a loro volta titolari di licenze per l’esplorazione e la produzione di idrocarburi con riserve di gas e petrolio stimate complessivamente in 5 miliardi di barili equivalenti di petrolio (BOE, Barrels of Oil Equivalent). A conclusione della transazione, la partecipazione attualmente posseduta da Enel in SeverEnergia si ridurrà dal 40% al 19,6% e quella di Eni dal 60% al 29,4%.

L’amministratore delegato e direttore generale di Enel Fulvio Conti ha commentato: “L’accordo raggiunto segna un importante passo avanti nella nostra strategia di crescita  sul mercato russo lungo tutta la catena del valore, dai campi di gas, alla generazione, alla vendita di energia elettrica. In questa prospettiva, l’ingresso di Gazprom ci dà la garanzia di poter contribuire ad alimentare con continuità e a condizioni vantaggiose con la nostra quota di gas di SeverEnergia le nostre centrali in Russia”.

In base all’accordo, SeverEnergia, che impiega oltre 500 persone negli uffici di Mosca e Novy Urengoy, diviene la prima società italo-russa a operare attivamente nei giacimenti della regione dello Yamal Nenets, in Siberia occidentale, dove attualmente si produce circa il 90% del gas russo. Le parti hanno concordato di avviare la produzione di gas entro giugno 2011 dal giacimento di Samburskoye e di raggiungere almeno 150.000 BOE al giorno entro 2 anni dall’avvio della produzione. Le parti si sono impegnate a collaborare per il rinnovo e gli aggiornamenti delle licenze e per definire i dettagli del piano di sviluppo dei giacimenti.

Il corrispettivo che sarà versato da Gazprom per l’acquisto del 51% di SeverEnergia ammonta a circa 1,5 miliardi di dollari statunitensi e sarà corrisposto in due tranche tra il  2009 e il 2010. La quota di spettanza di Enel ammonta a circa 600 milioni di dollari e quella di Eni a circa 900 milioni di dollari. Il closing dell’operazione è previsto per fine giugno 2009.

Microsoft Word - Accordo Enel-Eni-Gazprom.doc

PDF (0.05MB) Scarica

Enel S.p.A. procede alla diffusione al pubblico delle informazioni regolamentate mediante l’utilizzo dello SDIR NIS, gestito da BIt Market Services, società del Gruppo London Stock Exchange, avente sede in Piazza degli Affari n. 6, Milano. Enel S.p.A. per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, ha aderito, a far data dal 1° luglio 2015, al meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “eMarket Storage, consultabile all’indirizzo www.emarketstorage.com, gestito dalla suindicata BIt Market Services S.p.A. e autorizzato dalla Consob con delibera n. 19067 del 19 novembre 2014. Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015 Enel S.p.A. si è avvalsa al meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Compurteshare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.

 

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi