ENEL NELLO STOXX GLOBAL ESG LEADERS INDEX PER IL TERZO ANNO CONSECUTIVO

·        L’indice classifica le principali aziende in base alla loro performance in ambito ambientale, sociale e di governance (ESG)

 

·        Enel ha ottenuto un punteggio di 90,72 in ambito sociale, 88,93 in ambito di governance e 53,32 in ambito ambientale

 

Roma, 20 settembre 2016 – Enel è stata ammessa per il terzo anno consecutivo nello STOXX Global ESG Leaders index, che misura i risultati delle aziende in merito alle pratiche ambientali, sociali e di governance (ESG). Enel ha ottenuto un punteggio di 90,72/100 in ambito sociale, 88,93/100 in ambito di governance e 53,32/100 in ambito ambientale.

“L’inclusione del Gruppo Enel nello STOXX Global ESG Leaders index è un forte indicatore del nostro successo nel porre tutti gli aspetti della sostenibilità al centro del modello di business di Enel”, afferma l’AD del Gruppo Francesco Starace. “Siamo orgogliosi della nostra conferma per il terzo anno consecutivo nell’indice STOXX e anche nel futuro vogliamo continuare ad essere un riferimento in ambito ESG a livello globale.”

Lo STOXX Global ESG Leaders index è stato creato da STOXX Limited, un fornitore di indici globali di proprietà della borsa tedesca Deutsche Boerse Group. L'indice utilizza 128 indicatori di performance chiave (KPI), usando un modello di rating basato sui KPI relativi allo standard di ESG 3.0 della DVFA (l’Associazione tedesca degli analisti finanziari) e della EFFAS (Federazione europea delle associazioni degli analisti finanziari).

Il Gruppo Enel è classificato anche in altri importanti indici di sostenibilità quali il Dow Jones Sustainability Index World, il FTSE4Good, Euronext-Vigeo, e il Carbon Disclosure Project (CDP).

La combinazione innovazione e sostenibilità tradotta nel nuovo approccio Innovability di Enel guida la strategia e cultura di business del Gruppo. Enel continua il suo percorso verso la carbon neutrallity al 2050 e prevede che l’energia generata da fonti rinnovabili, pari a circa il 43 per cento della capacità totale al 30 giugno 2016, raggiungerà quasi la metà della capacità totale del Gruppo stimata in 83 GW al 2019.  Come step intermedio nel percorso verso questo obiettivo, Enel ha fissato un target di medio termine al 2020 di una riduzione del 25% di emissioni di CO2 rispetto al 2007. Questo target è stato riconosciuto come “scientificamente basato”, cioè in linea con i livelli di decarbonizzazione richiesti dalla scienza. L’azione in campo climatico è uno dei quattro UN Sustainable Development Goals (SDGs) a cui Enel vuole contribuire insieme all’accesso all’energia, all’educazione e al contributo allo sviluppo socio-economico alle comunità dove il Gruppo opera.

L'impegno di Enel a fornire i più elevati standard di sostenibilità ha attirato un crescente interesse da parte dei fondi di investimento socialmente responsabili (SRI): sulla base dei più recenti dati disponibili, al 31 dicembre 2015 gli SRI possiedono il 7,7% delle azioni di Enel in circolazione (contro il 5,9% alla fine del 2014), pari al 10,3% del flottante della società (8,6% al 31 dicembre 2014).

 

Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Corporate su Apple Store e Google Play.

Microsoft Word - ENEL STOXX ESG 2016

PDF (0.07MB) Scarica
Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi