L’Assemblea straordinaria degli azionisti di Enel Russia approva la vendita di Reftinskaya GRES

Roma, 23 luglio 2019 – Enel S.p.A. ("Enel") informa che l'Assemblea straordinaria degli azionisti della controllata russa Enel Russia PJSC ("Enel Russia") ha deliberato, in linea con quanto proposto dal Consiglio di Amministrazione, di approvare la vendita dell’impianto a carbone di Reftinskaya GRES a JSC Kuzbassenergo, società controllata da Siberian Generating Company.

Il corrispettivo è confermato in un importo non inferiore a 21 miliardi di rubli (equivalenti a circa 297 milioni di euro al cambio corrente), al netto dell'IVA e soggetto ad aggiustamenti fino al 5%; è inoltre prevista un’eventuale componente per un massimo di 3 miliardi di rubli (equivalenti a circa 42 milioni di euro al cambio corrente) da versare entro cinque anni dal perfezionamento della transazione, al verificarsi di determinate condizioni.

L'accordo di compravendita firmato tra Enel Russia e JSC Kuzbassenergo lo scorso 20 giugno diverrà efficace una volta che l’operazione sia stata approvata anche dall’autorità federale russa per la concorrenza.

L’orizzonte temporale previsto per il trasferimento della proprietà di Reftinskaya GRES a JSC Kuzbassenergo è non oltre 18 mesi dal momento in cui l’accordo di compravendita acquisterà efficacia. 

 

ENEL - Assemblea Enel Russia approvazione vendita RGRES

PDF (0.33MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.