Enel: più spazio agli obiettivi di sostenibilità nella politica per la remunerazione per il 2020

  • Il peso degli obiettivi di sostenibilità sale dal 25% al 30% per la componente variabile di breve termine e dal 10% al 25% per quella di lungo termine. Rimane fermo il commitment del management per il raggiungimento degli obiettivi economico-finanziari.
  • L’Amministratore Delegato e il top management a suo diretto riporto si impegnano a donare un importo pari alla remunerazione di due mensilità pari al periodo di lockdown in Italia, da destinare a sostegno di iniziative di solidarietà per fronteggiare l’emergenza da COVID-19.

 

Roma, 29 aprile 2020 – Il Consiglio di Amministrazione di Enel S.p.A. (“Enel” o la “Società”), riunitosi in data odierna sotto la presidenza di Patrizia Grieco, su proposta del Comitato per le Nomine e le Remunerazioni, ha modificato e integrato alcuni elementi della politica in materia di remunerazione per il 2020, sottoposta al voto deliberativo dell’Assemblea ordinaria degli Azionisti convocata per il 14 maggio 2020 in unica convocazione, al fine di dare maggiore spazio ad obiettivi di sostenibilità cui è collegata la componente variabile di breve termine della remunerazione dell’Amministratore Delegato/Direttore Generale della Società e la componente variabile di lungo termine della remunerazione del top management del Gruppo Enel.

L’emergenza sanitaria connessa all’epidemia da COVID-19 – caratterizzata da una crescita repentina dei contagi, su scala mondiale, a decorrere dallo scorso mese di marzo – ha difatti aperto scenari complessi di breve e di medio periodo, che rendono opportuno assegnare il giusto livello di priorità alle nuove sfide operative che il Gruppo sta affrontando in un contesto socio-economico profondamente modificato.

La sicurezza e la salute dei lavoratori e un modello di sviluppo sostenibile sono, infatti, da sempre tra le priorità del Gruppo Enel. Alla luce dell’emergenza sanitaria in corso, è quindi fondamentale che l’impegno per la salvaguardia della sicurezza nei luoghi di lavoro e per una ripresa economica basata su piani di investimento sostenibili venga correttamente riflesso negli obiettivi del management.

Per soddisfare tali esigenze e garantire continuità del business, non solo nel breve ma anche nel medio termine, è stato quindi introdotto un nuovo obiettivo di sostenibilità nella remunerazione variabile di breve termine dell’Amministratore Delegato/Direttore Generale di Enel, inteso a misurare l’efficacia delle azioni predisposte dal Gruppo Enel per fronteggiare l’emergenza sanitaria in atto. Tale obiettivo, in particolare, misura la capacità del Gruppo stesso di gestire da remoto, laddove possibile, e con modalità operative innovative e sicure in tutte le altre occasioni, le attività aziendali garantendo la continuità del servizio ed eccellenti livelli di efficienza operativa. A tale nuovo obiettivo è stato assegnato un peso pari al 15% del totale, e si è ritenuto opportuno accompagnare la relativa introduzione ad un aumento dal 10% al 15% del totale del peso dell’obiettivo legato alla safety, che nel nuovo scenario imposto dall’emergenza sanitaria in corso assume un ruolo ancor più importante.

Al contempo, si è ritenuto che la ripartenza economica dei paesi nei quali il Gruppo opera debba essere incentrata su uno sviluppo sostenibile, del quale gli investimenti in energie rinnovabili saranno un driver fondamentale. Si è quindi ritenuto opportuno ricondurre l’obiettivo rappresentato dal rapporto tra la capacità installata netta consolidata da fonti rinnovabili e la capacità installata netta consolidata totale tra gli obiettivi di lungo termine della remunerazione variabile del top management del Gruppo Enel, assegnando allo stesso un peso pari al 15% del totale. Tale obiettivo, unitamente a quello connesso alla riduzione delle emissioni di CO2 legate agli impianti di produzione del Gruppo Enel (il cui peso è stato confermato al 10% del totale), intende quindi incentivare l’impegno del Gruppo stesso nel processo di decarbonizzazione, in linea con le direttrici del Piano Strategico 2020-2022.

In tal modo, gli obiettivi connessi alla sostenibilità, sotto il profilo economico, sociale e ambientale, vengono a rivestire un peso complessivo pari:

·         al 30% del totale, nell’ambito della componente variabile di breve termine della remunerazione dell’Amministratore Delegato/Direttore Generale di Enel, e

·         al 25% del totale, nell’ambito della componente variabile di lungo termine della remunerazione del top management del Gruppo Enel.

Le modifiche sopra indicate sono descritte in dettaglio nelle tabelle riportate nelle pagine seguenti del presente comunicato.

Tenuto conto delle nuove sfide operative che il Gruppo Enel sta affrontando in un contesto socio-economico profondamente modificato a seguito dell’emergenza sanitaria connessa all’epidemia da COVID-19, è stata inoltre disposta un’integrazione della disciplina del programma di incentivazione variabile di breve termine per il 2020 destinato all’Amministratore Delegato/Direttore Generale della Società e del piano di incentivazione di lungo termine 2020/2022 destinato al top management del Gruppo Enel per consentire che, in sede di consuntivazione dei rispettivi obiettivi, il Consiglio di Amministrazione possa valutare, a seguito di adeguata istruttoria, se sterilizzare gli effetti determinati dall’indicata epidemia sul relativo raggiungimento. Tale modifica rende possibile perseguire gli obiettivi assegnati nel pieno rispetto dei valori etici e dei principi di sostenibilità che ispirano l’azione di Enel.

Si segnala che, in relazione ai punti 9 e 10 all’ordine del giorno dell’Assemblea ordinaria degli Azionisti convocata per il 14 maggio 2020 in unica convocazione, il testo aggiornato, rispettivamente, (i) del documento informativo sul Piano di incentivazione di lungo termine 2020 di Enel e (ii) della Relazione sulla politica in materia di remunerazione per il 2020 e sui compensi corrisposti nel 2019, con evidenza delle modifiche apportate a tali documenti, sarà messo a disposizione del pubblico presso la sede sociale, sul sito internet della Società (www.enel.com), nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “eMarket STORAGE” (www.emarketstorage.com).

*****

Il Consiglio di Amministrazione ha infine preso atto ed espresso il proprio compiacimento per l’impegno assunto dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel Francesco Starace, nonché dal top management a suo diretto riporto, di donare un importo pari alla remunerazione per un periodo di due mensilità, pari al periodo di lockdown in Italia, causato dalla crisi sanitaria in atto (ed equivalente a circa il 15% della remunerazione annuale), a sostegno di iniziative di solidarietà per fronteggiare l’emergenza da COVID-19. Analogo impegno è stato assunto dall’Avv. Michele Crisostomo, la cui nomina a Presidente del Consiglio di Amministrazione di Enel è stata proposta dall’azionista Ministero dell’Economia e delle Finanze in sede di presentazione della propria lista di candidati Amministratori in vista dell’indicata Assemblea del 14 maggio 2020.

Tale impegno, che fa seguito ad un apposito invito espresso dal Comitato per le Nomine e le Remunerazioni nell’ambito della politica in materia di remunerazione per il 2020, consente di avviare in concreto la raccolta di fondi da erogare ad associazioni del terzo settore particolarmente attive nel sostegno delle persone più colpite dall’emergenza sociale causata dal COVID-19. L’iniziativa di crowdfunding in questione, annunciata da Enel lo scorso 15 aprile, verrà progressivamente estesa a tutto il personale del Gruppo e sarà supportata dalla Onlus Enel Cuore, che raddoppierà i fondi raccolti. Si segnala infine che a beneficiare di tale iniziativa saranno, in particolare, la Fondazione Banco Alimentare Onlus, Caritas Italiana, la Comunità di Sant’Egidio ACAP Onlus, la Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche (FNOPI) e la Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap (FISH).

 

Modifica obiettivi MBO 2020 + LTI 2020

PDF (0.29MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy Accetta e chiudi