Enel, utile netto ordinario +9% nei primi nove mesi del 2020, guidato da solida performance operativa e finanziaria

·       Ricavi a 48.050 milioni di euro (59.332 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, -19,0%)

-         la variazione è principalmente attribuibile ai Mercati Finali per effetto delle minori quantità di gas ed energia elettrica vendute in Italia e Spagna sostanzialmente a causa dell’impatto dell’epidemia da COVID-19, alle attività di Generazione Termoelettrica e Trading in Italia per le minori attività di trading e per gli effetti connessi all’applicazione delle interpretazioni dell’IFRIC[1], nonché all’effetto cambi negativo in America Latina

·       EBITDA a 12.705 milioni di euro (13.209 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, -3,8%)

·       EBITDA ordinario a 13.146 milioni di euro (13.268 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, -0,9%)

-         in lieve riduzione rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente a causa della variazione negativa di Infrastrutture e Reti, principalmente per l’effetto cambi in America Latina, e dei Mercati Finali, parzialmente compensata dai migliori risultati di Enel Green Power e della Generazione Termoelettrica e Trading

·       EBIT a 6.975 milioni di euro (4.199 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, +66,1%)

-         l’incremento è principalmente attribuibile ai maggiori adeguamenti di valore effettuati nei primi nove mesi del 2019 su taluni impianti a carbone in Italia, Spagna, Cile e Russia, rispetto agli ammortamenti e perdite di valore rilevati nei primi nove mesi del 2020, riconducibili in particolare all’adeguamento di valore dell’impianto di Bocamina II in Cile a seguito della sua dismissione anticipata nell’ambito del processo di decarbonizzazione avviato dal Gruppo, nonché alle maggiori svalutazioni su crediti commerciali

·       Risultato netto del Gruppo a 2.921 milioni di euro (813 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, +259,3%)

-         soprattutto per i maggiori adeguamenti di valore effettuati nei primi nove mesi del 2019

·       Utile netto ordinario del Gruppo a 3.593 milioni di euro (3.295 milioni di euro nei primi nove mesi del 2019, +9,0%)

-         incremento guidato dalla resilienza della gestione operativa ordinaria, dall’efficiente gestione finanziaria, che ha portato a un decremento degli oneri finanziari, e dalle minori interessenze di terzi

·       Indebitamento finanziario netto a 48.953 milioni di euro (45.175 milioni di euro a fine 2019, +8,4%)

-      in aumento per effetto degli investimenti del periodo e per l’acquisto di ulteriori interessenze nel capitale sociale di Enel Américas e Enel Chile

·      Deliberato un acconto sul dividendo 2020 pari a 0,175 euro per azione, in pagamento dal 20 gennaio 2021, in crescita del 9,4% rispetto all’acconto distribuito a gennaio di quest’anno

-        il Consiglio di Amministrazione di Enel conferma la politica di acconto sui dividendi per l’esercizio 2020, prevista dal Piano Strategico 2020-2022

-         previsto un dividendo complessivo sui risultati dell’esercizio 2020 pari all’importo più elevato tra 0,35 euro per azione e il 70% del risultato netto ordinario del Gruppo Enel

 

[1] International Financial Reporting Interpretations Committee.

 

Enel novemestrale 2020 2

PDF (1.26MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.