Enel sottoscrive la più grande linea di credito revolving “sustainability-linked”

Roma, 5 marzo 2021 – Enel S.p.A. (“Enel”) e la sua società controllata di diritto olandese Enel Finance International N.V. (“EFI”) hanno sottoscritto in data odierna la più grande linea di credito revolvingsustainability-linked” per un ammontare di 10 miliardi di euro e una durata di cinque anni (la “Linea di Credito”).

La nuova linea di credito, contribuisce al nostro percorso di sostenibilità, diversificando ulteriormente le nostre fonti di finanziamento”, ha commentato Alberto De Paoli, CFO del Gruppo Enel. “Questo nuovo strumento promuove il nostro “Sustainability-Linked Financing Framework”, che comprende un'ampia gamma di strumenti legati alla sostenibilità, come obbligazioni, prestiti e commercial papers. Questo ulteriore traguardo conferma ancora una volta l'apprezzamento della comunità finanziaria per la solidità della strategia di sostenibilità del Gruppo e il conseguente impatto positivo sui suoi risultati economici e finanziari ".

La Linea di Credito, che sarà utilizzata per soddisfare il fabbisogno finanziario del Gruppo, è legata al Key Performance Indicator (“KPI”) relativo alle emissioni dirette di gas a effetto serra (emissioni di CO2 equivalente Scope 1 del Gruppo derivanti dalla produzione di elettricità e calore), contribuendo al raggiungimento dell’obiettivo di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goal – SDG) 13 “Lotta contro il cambiamento climatico” e in linea con il “Sustainability-Linked Financing Framework” del Gruppo, rispetto al quale Vigeo Eiris ha rilasciato una Second-Party Opinion, entrambi aggiornati a gennaio 2021.

In funzione del raggiungimento entro il 31 dicembre 2023 di un ammontare di emissioni dirette di gas a effetto serra pari o inferiore a 148 gCO2eq/kWh, la Linea di Credito prevede un meccanismo di step up/step down che inciderà sul margine applicabile ai successivi utilizzi della Linea di Credito, nonché sulle commissioni per le eventuali porzioni inutilizzate della linea stessa.

L’operazione fa parte della strategia finanziaria di Enel, che è sempre più improntata alla finanza sostenibile e si pone in linea con l’obiettivo di raggiungere una quota di fonti di finanziamento sostenibile - sul debito lordo totale del Gruppo - pari al 48% nel 2023 e maggiore del 70% nel 2030, come previsto dal Piano Strategico di Gruppo.

La Linea di Credito sostituisce la precedente linea di credito revolving da 10 miliardi di euro firmata da Enel ed EFI nel dicembre 2017. Il costo della nuova Linea di Credito è variabile in funzione del rating assegnato pro tempore ad Enel e, sulla base del rating corrente presenta uno spread di 40 bps sopra l'Euribor, per il quale è previsto un floor a zero; inoltre, la commissione di mancato utilizzo è pari al 35% dello spread. La nuova Linea di Credito presenta un costo complessivo inferiore rispetto alla precedente linea.

La nuova Linea di Credito può essere utilizzata dalla stessa Enel e/o da EFI, in questo ultimo caso con garanzia rilasciata dalla Capogruppo Enel, e ha l’obiettivo di dotare il Gruppo di uno strumento estremamente flessibile per la gestione di eventuali esigenze di liquidità.

La Linea di Credito è concessa da 35 primari istituti finanziari globali, tra cui Mediobanca in qualità di Documentation e Facility Agent.

 

 

Linea di credito Sustainability-linked

PDF (0.14MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.