Enel, nel primo trimestre 2021 investimenti in crescita dell’8,8% e obiettivi annuali confermati

·       Ricavi a 17.107 milioni di euro (19.985 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, -14,4%)

-         la variazione è principalmente attribuibile alle attività di Generazione Termoelettrica e Trading in Italia e Spagna, per le minori attività di trading, alle Infrastrutture e Reti principalmente in America Latina per l’effetto cambi negativo e ai Mercati Finali, per le minori quantità di energia elettrica vendute in Spagna

·       EBITDA ordinario a 4.159 milioni di euro (4.741 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, -12,3%)

-         in diminuzione soprattutto per gli impatti rilevati in Spagna nel primo trimestre 2020 a seguito della modifica del beneficio dello sconto energia, principalmente nella Generazione Termoelettrica e Trading e nelle Infrastrutture e Reti, nonché per l’effetto cambi negativo in America Latina  

·       EBITDA a 4.091 milioni di euro (4.708 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, -13,1%)

·       EBIT a 2.525 milioni di euro (3.109 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, -18,8%)

-         la variazione riflette principalmente l’andamento della gestione operativa, parzialmente compensata dai minori ammortamenti registrati nel primo trimestre del 2021 a seguito delle svalutazioni di taluni impianti a carbone effettuate nel corso del 2019 e del 2020 nell’ambito del processo di decarbonizzazione

·       Risultato netto ordinario del Gruppo a 1.214 milioni di euro (1.281 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, -5,2%)

-         la variazione dei risultati operativi ordinari è stata parzialmente compensata dai minori oneri finanziari netti e dalla minore incidenza delle interessenze di terzi

·       Risultato netto del Gruppo a 1.176 milioni di euro (1.247 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, -5,7%)

·       Indebitamento finanziario netto a 45.884 milioni di euro (45.415 milioni di euro a fine 2020, +1,0%)

-         in aumento principalmente per gli investimenti del periodo e l’effetto cambi negativo, parzialmente compensati dai positivi flussi di cassa generati dalla gestione operativa

·       Investimenti a 2.035 milioni di euro (1.870 milioni di euro nel primo trimestre del 2020, +8,8%)

-         l’incremento è principalmente attribuibile alla crescita degli investimenti in Enel Green Power, Infrastrutture e Reti e Mercati finali

Francesco Starace, CEO del Gruppo Enel, ha così commentato: “Nel primo trimestre del 2021 abbiamo aumentato significativamente i nostri investimenti, principalmente nelle rinnovabili e nelle reti, al fine di accelerare ulteriormente il processo di decarbonizzazione di Gruppo e cogliere le opportunità che emergeranno dalla ripresa economica. Questi investimenti ci permetteranno di accelerare la crescita, in un contesto di sempre maggiore decarbonizzazione, proiettandoci verso un nuovo record di costruzione di capacità rinnovabile a fine anno. Alla luce dei risultati finanziari e operativi raggiunti nel primo trimestre, confermiamo gli obiettivi di crescita per il 2021 in termini di EBITDA ordinario e utile netto ordinario, come annunciato a novembre dello scorso anno in occasione della presentazione del Piano Strategico.”

 

Enel risultati 1Q 2021

PDF (0.94MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.