Enel avvia un programma di acquisto di azioni proprie, legato alla sostenibilità, a servizio del Piano di incentivazione di lungo termine 2021

  • Il programma prevede l’acquisto di 1,62 milioni di azioni proprie, equivalenti a circa lo 0,016% del capitale sociale di Enel
  • In linea con l’impegno di Enel per un modello di sviluppo sostenibile, il prezzo di acquisto delle azioni dall’intermediario sarà legato al raggiungimento dell’obiettivo di performance del Piano LTI 2021 rappresentato dalle emissioni dirette di gas serra (GHG Scope 1) per KWh equivalente prodotto dal Gruppo Enel nel 2023

 

Roma, 17 giugno 2021 – Enel S.p.A. (“Enel” o la “Società”) informa che, in data odierna, il Consiglio di Amministrazione della Società, in attuazione dell’autorizzazione conferita dall’Assemblea degli Azionisti del 20 maggio 2021 e nel rispetto dei relativi termini già comunicati al mercato, ha approvato l’avvio di un programma di acquisto di azioni proprie, per un numero di azioni pari a 1,62 milioni (il “Programma”), equivalenti a circa lo 0,016% del capitale sociale di Enel.

Il Programma, la cui durata si protrarrà dal 18 giugno a non oltre il 20 settembre 2021, è a servizio del Piano di incentivazione di lungo termine per il 2021 destinato al management di Enel e/o di società da questa controllate ai sensi dell’art. 2359 del codice civile (“Piano LTI 2021”), anch’esso approvato dall’Assemblea del 20 maggio 2021.

Tenuto conto del prezzo di chiusura del titolo Enel alla data del 16 giugno 2021 presso il Mercato Telematico Azionario organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. (“MTA”), pari a 8,21 euro, il potenziale esborso connesso all’esecuzione del Programma è stimato in circa 13,30 milioni di euro.

Ai fini dell’esecuzione del Programma, Enel ha conferito un incarico a un intermediario abilitato che adotterà le decisioni in merito agli acquisti in piena indipendenza, anche in relazione alla tempistica delle operazioni, e nel rispetto di limiti giornalieri di prezzo e di volume coerenti sia con l’autorizzazione conferita dall’Assemblea degli Azionisti del 20 maggio 2021 sia con quanto previsto dall’art. 5 del Regolamento (UE) 596/2014 in materia di abusi di mercato e dall’art. 3 del Regolamento delegato (UE) 2016/1052. In particolare, il prezzo di acquisto delle azioni non potrà discostarsi, in diminuzione o in aumento, di oltre il 10% rispetto al prezzo di riferimento registrato dal titolo Enel nella seduta del MTA del giorno precedente ogni singola operazione e, comunque, non potrà essere superiore al prezzo più elevato tra il prezzo dell’ultima operazione indipendente e il prezzo dell’offerta di acquisto indipendente corrente più elevata sul MTA. Il volume giornaliero degli acquisti, inoltre, non potrà essere superiore al 25% del volume medio giornaliero di azioni Enel scambiate sul MTA nei 20 giorni di negoziazione precedenti la data dell’acquisto.

In linea con l’impegno di Enel per un modello di sviluppo sostenibile, l’incarico conferito prevede altresì un meccanismo premiale – riflesso nel prezzo a cui la Società riacquista le azioni dall’intermediario – legato al raggiungimento da parte del Gruppo Enel del valore target dell’obiettivo di performance del Piano LTI 2021 rappresentato dalle emissioni dirette di gas serra (GHG Scope 1) per KWh equivalente prodotto dal Gruppo Enel nel 2023.  

Gli acquisti verranno effettuati sul mercato MTA, in modo da assicurare la parità di trattamento tra gli azionisti, in ottemperanza all'art. 144-bis, comma 1, lett. b) del Regolamento Consob 11971/1999, nonché con modalità conformi a quanto previsto dal citato Regolamento (UE) 596/2014 in materia di abusi di mercato e dall’art. 3 del Regolamento delegato (UE) 2016/1052.

Le operazioni di acquisto effettuate saranno comunicate alla Consob e al mercato, in forma dettagliata e aggregata, entro i termini e con le modalità previste dall’art. 2 del Regolamento delegato (UE) 2016/1052.

Alla data odierna Enel detiene n. 3.269.152 azioni proprie in portafoglio, pari allo 0,032% circa del capitale sociale, mentre le società controllate non detengono azioni Enel.

 

CS buy back a servizio del piano LTI 2021 2

PDF (0.14MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.