Enel, la strada per il 2030 nel Piano Strategico 2022–2024: potenziare gli investimenti verso zero emissioni con focus sull’elettrificazione della domanda di energia dei clienti

  • Il Piano del Gruppo Enel si focalizza su quattro linee strategiche:

(i)            allocare capitale a supporto di una fornitura di elettricità decarbonizzata;

(ii)           abilitare l’elettrificazione della domanda di energia dei clienti;

(iii)          fare leva sulla creazione di valore lungo tutta la value chain;

(iv)          anticipare gli obiettivi di “Net Zero” sostenibile.

  • Il Gruppo prevede di mobilitare investimenti per complessivi 210 miliardi di euro tra il 2021 e il 2030, dei quali 170 miliardi di euro investiti direttamente dal Gruppo Enel (+6% rispetto al Piano precedente) e 40 miliardi di euro catalizzati da terzi.
  • Tra il 2020 e il 2030 l’EBITDA ordinario di Gruppo è previsto in aumento del 5-6% in termini di tasso annuo di crescita composto (“CAGR”), a fronte di un Utile netto ordinario di Gruppo previsto in aumento del 6-7%, sempre in termini di CAGR.
  • Il Gruppo anticipa di 10 anni il proprio impegno “Net Zero”, dal 2050 al 2040, sia per le emissioni dirette sia per quelle indirette. 
  • Si prevede che il valore creato dal Gruppo per i clienti porterà una riduzione fino al 40% della loro spesa energetica, parallelamente a una riduzione fino all’80% della loro “carbon footprint”[1] entro il 2030. 
  • Nel 2024 si prevede che l’EBITDA ordinario di Gruppo raggiunga i 21,0-21,6 miliardi di euro, rispetto ai 18,7-19,3 miliardi di euro stimati nel 2021. L’Utile netto ordinario di Gruppo è atteso in crescita a 6,7-6,9 miliardi di euro nel 2024, rispetto ai 5,4-5,6 miliardi di euro stimati nel 2021.
  • La politica dei dividendi di Enel per il periodo resta semplice, prevedibile e interessante. È previsto che gli Azionisti ricevano un dividendo per azione (“DPS”) fisso che si prevede cresca del 13% dal 2021 al 2024, fino a raggiungere 0,43 euro/azione.
  • La prevista crescita degli utili, sommata al sottostante rendimento del dividendo (“Dividend Yield”)[2], si potrà tradurre in un Rendimento totale stimato di circa il 13% per il periodo 2022-2024.

 

Obiettivi finanziari

 

 

 

 

Crescita dell’utile

2021E

2022

2023

2024

EBITDA ordinario (€mld)

18,7-19,3

19,0-19,6

20,0-20,6

21,0-21,6

Utile netto ordinario (€mld)

5,4-5,6

5,6-5,8

6,1-6,3

6,7-6,9

Creazione di valore

 

 

 

 

DPS fisso (€/azione)

0,38

0,40

0,43

0,43

Rendimento implicito del dividendo2  

5,4%

5,7%

6,1%

6,1%

 

Francesco Starace, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel, ha commentato: “Il Piano di quest’anno, con 170 miliardi di euro di investimenti diretti entro il 2030, rappresenta un punto di svolta. La sua attuazione ci consente di avanzare dal precedente Decennio della Scoperta dell’Energia Rinnovabile all’attuale Decennio dell’Elettrificazione. Stiamo accelerando la crescita in tutte le aree di business, creando valore per i nostri clienti, che sono al centro della Strategia del Gruppo, valore che si traduce nella prevista riduzione della loro spesa energetica, aumentando al contempo la loro domanda di elettricità entro il 2030. Inoltre, stiamo anticipando di dieci anni l’obiettivo della completa decarbonizzazione del Gruppo, con il raggiungimento del “Net Zero” entro il 2040. Continueremo a crescere nelle rinnovabili, valorizzando quello che è già oggi il più grande portafoglio privato di asset rinnovabili al mondo. Il business di Infrastrutture e Reti e la nuova business line Global Customers ci consentiranno di cogliere le incredibili opportunità offerte dall’elettrificazione. Il lavoro pionieristico svolto da tutti i colleghi di Enel e la trasformazione digitale avanzata del Gruppo ci consentiranno di soddisfare le esigenze in evoluzione dei clienti nel corso di questo decennio.”

 

 

[1] Riduzione della spesa energetica e della “carbon footprint” calcolate rispetto al 2020 sulla base del portafoglio clienti di Enel in Italia e Spagna.

[2] Calcolato sulla base di un prezzo di 7 euro per azione Enel.

CMD 2021 Comunicato stampa

PDF (0.36MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.