Enel: nel 2021 investimenti a 13 miliardi di euro (+27,5%) per accelerare la transizione energetica, dividendo a 0,38 euro per azione (+6,1%)

Principali dati economico-finanziari consolidati

·       Ricavi a 88.006 milioni di euro (66.004[1] milioni di euro nel 2020, +33,3%)

-         La variazione positiva è riconducibile a tutte le Linee di business, principalmente per le maggiori quantità di energia elettrica prodotte e vendute. La variazione risente inoltre del provento realizzato dalla cessione della partecipazione detenuta in Open Fiber S.p.A. Tali effetti sono stati parzialmente compensati dal negativo andamento dei cambi, prevalentemente in America Latina

·       EBITDA ordinario a 19.210 milioni di euro (18.027[2] milioni di euro nel 2020, +6,6%)

-      L’incremento è da ricondurre principalmente ad Enel Green Power, per la crescita operativa dovuta alla maggiore produzione e all’entrata in funzione di nuovi impianti rinnovabili; alle Infrastrutture e Reti, per l’aumento del margine in America Latina e per le migliori performance connesse al miglioramento nella qualità del servizio e alla digitalizzazione delle reti in Europa; nonché al citato provento realizzato con la cessione di Open Fiber S.p.A. Tali effetti hanno più che compensato i minori margini della Generazione Termoelettrica e Trading connessi all’effetto prezzo sulle coperture, alcuni adeguamenti tariffari in Italia e Spagna, nonché l’andamento sfavorevole dei cambi prevalentemente in America Latina

  ·       EBITDA a 17.567 milioni di euro (16.9032 milioni di euro nel 2020, +3,9%)

·       EBIT a 7.680 milioni di euro (8.4552 milioni di euro nel 2020, -9,2%)

-         la variazione riflette principalmente i maggiori ammortamenti rilevati a seguito degli investimenti effettuati e gli adeguamenti di valore rilevati nel corso dell’anno rispetto all’esercizio precedente, i cui effetti sono stati solo parzialmente compensati dall’andamento della gestione operativa

·       Risultato netto ordinario del Gruppo a 5.593 milioni di euro (5.197 milioni di euro nel 2020, +7,6%)

-         l’incremento è riconducibile all’andamento positivo della gestione operativa ordinaria e alla minore incidenza delle interessenze di terzi, che hanno più che compensato le maggiori imposte registrate principalmente per le riforme fiscali in Argentina e Colombia

·       Risultato netto del Gruppo a 3.189 milioni di euro (2.610 milioni di euro nel 2020, +22,2%)

·       Indebitamento finanziario netto a 51.952 milioni di euro (45.415 milioni di euro nel 2020, +14,4%)

-         in aumento principalmente per gli investimenti del periodo, per l’acquisizione di un’ulteriore quota di partecipazione in Enel Américas e per l’effetto cambi negativo. I positivi flussi di cassa generati dalla gestione operativa, l’emissione di un prestito obbligazionario non convertibile subordinato ibrido perpetuo e la cessione della partecipazione detenuta in Open Fiber S.p.A. hanno parzialmente compensato il fabbisogno finanziario connesso alle fattispecie sopra evidenziate

·       Investimenti a 12.997 milioni di euro (10.197 milioni di euro nel 2020, +27,5%)

-         l’incremento è principalmente attribuibile alla crescita degli investimenti in Infrastrutture e Reti, Enel Green Power, Mercati finali e Enel X

·       Il dividendo complessivo proposto per l’intero esercizio 2021 è pari a 0,38 euro per azione (di cui 0,19 euro per azione già corrisposti quale acconto a gennaio 2022), in crescita del 6,1% rispetto al dividendo complessivo di 0,358 euro per azione riconosciuto per l’intero esercizio del 2020

Risultati 2021 e obiettivi del piano strategico del Gruppo

Conseguiti gli obiettivi strategici previsti per il 2021

·       EBITDA ordinario al livello massimo della guidance di Gruppo con una crescita del 7% rispetto al risultato del 2020;

·       Avanzamento del processo di decarbonizzazione, con la nuova capacità rinnovabile costruita nel 2021 che supera 5,1 GW, includendo per la prima volta 220 MW di batterie, accompagnata dalla progressiva sostituzione di impianti di generazione convenzionale, con una riduzione di 2 GW della capacità a carbone;

·       Avanzamento del processo di semplificazione del Gruppo attraverso l’incremento della partecipazione di Enel, fino all’82,3%, nel capitale sociale di Enel Américas;

·       Dividendo complessivo proposto per l’esercizio 2021 pari a 0,38 euro per azione, superiore del 6,1% rispetto al dividendo pagato nel 2020.

*****

Francesco Starace, CEO del Gruppo Enel, ha così commentato: “I risultati di Enel per il 2021 dimostrano ancora una volta la resilienza e la sostenibilità del nostro modello di business anche in un contesto sempre più complesso, caratterizzato da una parte dai segnali di ripresa post pandemia e dall’altra dagli impatti negativi derivanti dall’incremento dei prezzi dei combustibili fossili. Appare ormai evidente il ruolo fondamentale che le utilities hanno nella gestione dei repentini cambiamenti del settore energetico, ed è in questa direzione che va la nostra strategia, incentrata su decarbonizzazione ed elettrificazione. In questo modo, possiamo cogliere le opportunità lungo tutta la catena del valore e contribuire al contempo all’indipendenza energetica nei Paesi in cui operiamo. È quindi indispensabile accelerare gli investimenti nelle rinnovabili, che garantiscono una fonte di energia stabile, sicura e competitiva, oltre a rappresentare, insieme alla digitalizzazione delle reti e all’elettrificazione dei consumi, la soluzione per combattere il cambiamento climatico. La validità della nostra strategia ci permette di mantenere il nostro impegno a distribuire agli azionisti un dividendo in crescita, basato su una politica semplice e trasparente.”

 

[1]Il dato relativo all’esercizio 2020 è stato adeguato, ai soli fini comparativi, per tener conto degli effetti della diversa classificazione derivante dalla valutazione al fair value, alla fine del periodo, dei contratti outstanding per compravendita di commodity regolate con consegna fisica; tale diversa classificazione non ha comportato effetti sul Risultato Operativo.

Ai soli fini comparativi, inoltre, si è proceduto ad effettuare una riclassifica da proventi finanziari a ricavi, per un importo di 87 milioni di euro, della componente rilevata a conto economico legata alla rimisurazione al fair value delle attività finanziarie connesse ai servizi in concessione delle attività di distribuzione in Brasile rientranti nell’ambito di applicazione dell’IFRIC 12. Tale ultima classificazione ha comportato effetti di pari importo sul Risultato Operativo.

[2] Ai soli fini comparativi, il dato relativo all’esercizio 2020 è stato adeguato in ragione della diversa classificazione sopra menzionata inerente l’applicazione dell’IFRIC 12 in Brasile.

Enel risultati FY 2021

PDF (0.9MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.