Enel: esiti dell’Assemblea degli Azionisti 2021

  • Approvato il bilancio al 31 dicembre 2020 e deliberato un dividendo complessivo di 0,358 euro per azione (0,175 euro già versati quale acconto a gennaio 2021 e i rimanenti 0,183 euro in pagamento a titolo di saldo nel mese di luglio 2021)
  • Rinnovata l’autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie, previa revoca dell’autorizzazione conferita dall’Assemblea del 14 maggio 2020
  • Approvati il Piano di incentivazione di lungo termine per il 2021 destinato al management del Gruppo Enel, nonché la Relazione sulla politica in materia di remunerazione per il 2021 e sui compensi corrisposti nel 2020

 

Roma, 20 maggio 2021 – Si è riunita oggi a Roma, sotto la presidenza di Michele Crisostomo, l’Assemblea ordinaria degli Azionisti di Enel S.p.A. (“Enel” o la “Società”).

Si segnala che, in considerazione dell’emergenza sanitaria tuttora in corso connessa all’epidemia da COVID-19 e tenuto conto delle previsioni normative emanate per il contenimento del contagio, in conformità con quanto previsto dall’art. 106, comma 4, del Decreto Legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla Legge 24 aprile 2020, n. 27 (come modificato, da ultimo, dal Decreto Legge 31 dicembre 2020, n. 183, convertito con modificazioni dalla Legge 26 febbraio 2021, n. 21), l’intervento in Assemblea da parte degli aventi diritto è avvenuto esclusivamente per il tramite del rappresentante designato dalla Società ai sensi dell’art. 135-undecies del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58. Al momento dell’apertura dei lavori risultava rappresentato in Assemblea il 65,13% circa del capitale sociale.

Nel corso dell’Assemblea è stato anzitutto approvato il bilancio civilistico di Enel al 31 dicembre 2020 e presentato il bilancio consolidato del Gruppo Enel, unitamente alla dichiarazione consolidata di carattere non finanziario, riferiti al medesimo esercizio.

Su proposta del Consiglio di Amministrazione è stato quindi approvato un dividendo complessivo pari a 0,358 euro per azione e deliberata la distribuzione di 0,183 euro per azione quale saldo del dividendo –  di cui 0,053 euro a titolo di distribuzione dell’utile di esercizio 2020 e 0,130 euro a titolo di parziale distribuzione della riserva disponibile denominata “utili accumulati” – tenuto conto dell’acconto di 0,175 euro per azione già pagato nel mese di gennaio 2021 (cui non hanno concorso, ai sensi di legge, le 3.269.152 azioni proprie in portafoglio alla “record date”, ossia data di legittimazione al pagamento del dividendo stesso, coincidente con il 19 gennaio 2021). Tale saldo del dividendo verrà messo in pagamento - al netto delle azioni proprie che risulteranno in portafoglio alla “record date” di seguito indicata e al lordo delle eventuali ritenute di legge - a decorrere dal 21 luglio 2021, previo stacco della cedola n. 34 in data 19 luglio 2021 e “record date” in data 20 luglio 2021.

L’Assemblea ha poi rinnovato l’autorizzazione al Consiglio di Amministrazione all’acquisto e alla successiva disposizione di azioni proprie per un massimo di 500 milioni di azioni della Società, rappresentative del 4,92% circa del capitale sociale, e un esborso complessivo fino a 2 miliardi di euro, previa revoca della precedente analoga autorizzazione conferita dall’Assemblea ordinaria del 14 maggio 2020. L’acquisto di azioni proprie è stato consentito per diciotto mesi a decorrere dall’odierna delibera assembleare; non è stato invece previsto alcun limite temporale per la disposizione delle azioni proprie acquistate. L’Assemblea ha inoltre definito, secondo quanto proposto dal Consiglio di Amministrazione, finalità, termini e condizioni dell’acquisto e della disposizione di azioni proprie, individuando in particolare le modalità di calcolo del prezzo di acquisto, nonché le modalità operative di effettuazione delle operazioni di acquisto.

L’Assemblea ha inoltre approvato il Piano di incentivazione di lungo termine per il 2021 destinato al management di Enel e/o di società da questa controllate ai sensi dell’art. 2359 cod. civ.

Infine, in merito alla Relazione sulla politica in materia di remunerazione per il 2021 e sui compensi corrisposti nel 2020, l’Assemblea ha approvato, nel rispetto della normativa di riferimento:

·         con deliberazione vincolante la prima sezione di tale Relazione, che illustra la politica adottata dalla Società in materia di remunerazione dei componenti del Consiglio di Amministrazione, del Direttore Generale, dei Dirigenti con responsabilità strategiche e dei componenti del Collegio Sindacale con riferimento all’esercizio 2021, nonché le procedure utilizzate per l’adozione e l’attuazione di tale politica;

·         con deliberazione non vincolante la seconda sezione della medesima Relazione, contenente l’indicazione dei compensi dei componenti del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale, del Direttore Generale e dei Dirigenti con responsabilità strategiche relativi all’esercizio 2020.

L’esito delle votazioni sui vari argomenti all’ordine del giorno è riportato in dettaglio nell’Allegato al presente comunicato.

 

 

 

 

Esiti assembleari 20.5.2021

PDF (0.29MB) Scarica

Per la diffusione al pubblico e per lo stoccaggio delle informazioni regolamentate diffuse al pubblico, Enel S.p.A. si avvale del sistema di diffusione “eMarket SDIR” e del meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”, entrambi consultabili all’indirizzo www.emarketstorage.com e gestiti da Spafid Connect S.p.A., con sede in Foro Buonaparte 10, Milano. Suddetti sistemi sono autorizzati dalla Consob (delibera n. 19878 del 15 febbraio 2017 per il sistema di diffusione “eMarket SDIR” e delibera n. 19879 del 15 febbraio 2017 per il meccanismo di stoccaggio “eMarket Storage”).
Dal 19 maggio 2014 al 30 giugno 2015, Enel S.p.A. si è avvalsa del meccanismo di stoccaggio autorizzato denominato “1Info” consultabile all’indirizzo www.1info.it, gestito da Computershare S.p.A. con sede legale in Milano e autorizzato da Consob con delibera n. 18852 del 9 aprile 2014.