L'energia marina di Enel arriva in Cile

Pubblicato giovedì, 13 novembre 2014

Il percorso di sperimentazione intrapreso da Enel Green Power nel campo dell'energia marina fa tappa in Cile. La società del gruppo Enel dedicata alle energie rinnovabili è stata selezionata insieme a DCNS, importante player del settore, dall'Organizzazione per lo sviluppo economico del governo cileno CORFO (Corporación de Fomento de la Producción) per creare un centro globale di eccellenza per lo sviluppo di nuove tecnologie, il Marine Energy Research and Innovation (MERIC).

L'attività di ricerca e sviluppo del MERIC si concentrerà sulle tecniche di sfruttamento dell'energia delle maree e del moto ondoso, tenendo conto delle specifiche caratteristiche dell'Oceano Pacifico in Cile. Verrà utilizzato un approccio innovativo e integrato che prevede l'installazione di un convertitore di energia delle onde che funzionerà come "banco di prova di validazione" per confrontare i risultati teorici con i dati reali. I ricercatori del Centro saranno impegnati in attività di valutazione delle risorse marine, caratterizzazione dei siti, biofouling, bio-corrosione, impatto ambientale e sociale e adattamento delle tecnologie a condizioni oceaniche estreme.

Il gruppo Enel in Cile è da tempo operativo nella generazione, nella distribuzione e nella vendita di energia da fonti tradizionali e rinnovabili. Nella capitale cilena Enel ha di recente inaugurato “SmartCity Santiago”, la prima città intelligente del Paese che permetterà ai suoi abitanti di proiettarsi nel futuro con servizi e tecnologie “verdi” di ultima generazione.

In Italia Enel Green Power sta ultimando i test in mare della R115, la macchina marina sviluppata dalla 40South Energy. R115 è il primo dispositivo in grado di sfruttare i moti ondosi per la produzione di energia elettrica, senza emissioni e senza impatto sull'ambiente marino e sul paesaggio. Lo sviluppo della macchina marina EGP è in linea con il piano d'azione della Commissione Ue per lo sviluppo della Blue Economy, che vede lo sfruttamento dell'energia del moto ondoso tra i punti prioritari.